username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Daniela Iodice

in archivio dal 19 gen 2012

04 maggio 1991, Napoli - Italia

mi descrivo così:
​Siamo attori di noi stessi e ci perdiamo tra i riflessi di una falsa ambizione costruita sulla notte.

[​Arthur Rimbaud]

19 maggio 2012 alle ore 3:39

Fermate Il Suo Canto

Il racconto

Candidi violini risuonano nel buio,scordano il cuore solitario di un viandante notturno.
Una sinfonia tenue e strepitosa entra dolcemente nelle vene della notte disperata;ferma il tempo mentre la città si muove.Nel sottofondo tamburi lontani quanto silenziosi rumori di auto in corsa mentre,sconsolato e stanco,il viandante ascolta,registra e si dispera per una musica che non potrà mai più sentire.Oh cuore,lascia fuori quelle note,fa troppo male,male,male,ogni nota è un canto di dolore.Non riesce a non pensare,esplode,canta e balla,balla sotto la luna con la disperazione nel cuore e il riso sulle labbra,balla e suona,ama e muore,sa che è inutile ma è utile al suo amore.Dio fermi quella musica,qualcuno la fermi!Amore che dolce il dolore,impazzisce scrivendo parole amare mentre la sua anima chiede a se stesso dove possa mai essere il suo compagno promesso mentre lei è lì a scriver per esso.Dio,ferma questa musica!Dio,salva il suo cuore.La città sembra arsa dalle fiamme talmente è forte ciò che porta al petto eppur sembra un muro fasullo,illusione della mente,l'inferno nel ventre.Dio,guarda quell'anima,ride del proprio dolore,impazzisce per il suo nome,scrive parole nella notte che nella sua pericolosa sorte è il paradiso di chi aspetta la morte.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento