username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Daniele Brioschi

in archivio dal 19 mag 2012

07 settembre 1993, Concorezzo (MB)

mi descrivo così:
"La poesia è poesia quando porta in sé un segreto" (Ungaretti). Spero solo che la poesia riesca ad avvicinarmi a questo segreto, che avvicini voi, a questo fantastico segreto che è la realtà, che sono pure io: scrivendo imparo a conoscermi, leggendomi spero mi conosciate.

05 luglio 2012 alle ore 11:39

Superstite

Ho incontrato
la morte
forse per la prima volta
irruzione tragica
è passato
tanto tempo ormai
ma il ricordo
non trema
ogni giorno
come carne rivive
il tempo 
non uccide
il segreto
della tua esistenza
tra noi
fratello
tu ridi
poi piangi
la commozione
riga il tuo viso
le stesse lacrime
che ho pianto io
quel giorno
quando le tue parole,
quella grafia, 
così poco elegante,
squarciarono
la mia vista
annebbiata:
ora vivi
le parole
all'apparenza
astratte
ogni uomo
è messaggero
ogni battito di ciglio
vibra di senso...
fa che non ritorni
- ti prego! -
lì,
dove mi trovasti,
insieme a tutti gli altri,
gli uomini inconsapevoli.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento