username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Racconti di Daniele Verde

Visita la scheda completa e tutti gli altri testi di Daniele Verde

  • 30 dicembre 2018 alle ore 23:46
    Happy New Year

    Come comincia: Roberto: per quanto tu sia la persona che conosco da meno tempo, sei comunque uno di quegli amici su cui so di poter fare affidamento, e anche grazie a te piano piano sto imparando a tradurre la lingua più difficile e complicata di tutte: quella del cuore. Ti voglio bene.

    Antonio: ricordo ancora quando prima di conoscerti mi parlavano di te dicendo che eri identico a me, e in fondo non avevano tutti i torti. Adesso però sei cresciuto (un pochino ma meglio di niente) e anche io lo sono (un pochino), ma c’è una cosa in particolare che volevo dirti: il solo aver trovato la tua anima gemella mi ha [ri]dato la speranza che magari c’è anche la mia, chissà. Ti voglio bene.

    Luisa: le risate insieme a te sono state tra le migliori dell’anno, se non della mia vita. So di non averti sempre dimostrato quanto sei importante per me, so che a volte sembra che dò più importanza ad altri, ma la verità è che sei una delle mie amiche più strette, e ci tengo veramente un sacco a te. Grazie per avermi sostenuto nei momenti di difficoltà e per apprezzarmi per quello che sono. Ti voglio bene.

    Gab: ormai sarà quasi impossibile stupirti di nuovo, ma ci proverò lo stesso. Quando ci siamo conosciuti stavo tutto il tempo da solo, chiuso in me stesso, e dopo solo qualche giorno non solo ci siamo incontrati, ma mi hai fatto entrare nella tua vita e uscire dalla mia gabbia. Vero, non ero solo, però avevo paura di allargare i miei orizzonti a causa di troppe persone che mi hanno deluso. Non ti ringrazierò mai abbastanza per tutto quello che hai fatto e fai per me. Ti voglio bene.