username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Danilo Mar

in archivio dal 11 set 2008

08 luglio 1951, Vedroli

15 settembre 2008

Ray Ban

Negli anni '70 questi occhiali furono oggetto di un vero e proprio culto. Con questi versi ironizzavo e prendevo in giro tutti i Ray Ban dipendenti

Corso Tacito
dieci cento mille persone
tutte con occhiali Ray-ban
ed io
meschino
coi volgari occhiali da vista
la gente mi guarda
con aria distratta
e mi passa lontana
perché
non porto i Ray-ban
in un bar chiedo un caffè
e il barista mi guarda coi suoi Ray-ban verdi
un cartello ammonisce
“vietato l’ingresso
a chi non indossa
i Ray-ban”
esco di corsa
la pizzeria mi nega la pizza
e la prostituta
di Piazza Clai
non mi fa scopare
perché non porto
i Ray-ban
e la gente mi guarda con aria sospetta
stai a vedere
che pensano io sia un brigatista
mi sento impazzire
e mille Ray-ban
mi girano attorno
l’ufficio di collocamento
mi nega lavoro
e il farmacista non mi dà l’aspirina
per la mia testa
che scoppia
e tutti mi scansano
perché non porto
sti cazzo
di Ray-ban
pietà
pietà signori
e corro come un matto
vado dall’ottico
e compro i Ray-ban
li metto
esco
non vedo un cazzo
e mi prendo di petto
un vecchio signore
manco a dirlo
in Ray-ban
mi guardo intorno
non vedo un’acca
intonfo un muro
mi spacco la capa
bestemmio il Signore
che immagino in Ray-ban
e rimetto
i miei stramaledetti
occhiali da vista
e corro a casa per sfuggire al linciaggio
la porta si apre
e mia madre
m’appare
in Ray-ban
nooooooooooooo
“sono belli vero Danilo?
dovresti comprarli anche tu”
svengo
e un accidente
quasi mi prende
ma non ricordo una mazza
solo le risa di un’infermiera
che come un’oca starnazza
dietro i suoi Ray-ban verde bottiglia
ecco adesso un collasso
mi piglia
e senza dir nulla
mi cura un dottore
che mi guarda
mi scruta
dietro i suoi Ray-ban
mi sento sconfitto
un derelitto
il mio cuore è vicino al collasso
tutti i parenti
con lento passo
mi sono intorno
aspettando il mio trapasso
tutti con
'sti Ray-ban del cazzo
allora urlo
e dal letto mi alzo
“andate affanculo
voi e i vostri occhiali
siete tutti uguali
con le vostre paranoie
non avete fantasia
in alto non volate
tenete i vostri occhiali
io tengo le mie ali”

Terni, 16 giugno 1975

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento