username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Dante Di Gregorio

in archivio dal 27 feb 2008

27 settembre 1982, Popoli

segni particolari:
Particolare

mi descrivo così:
Così

28 febbraio 2008

Speranza e ricordo

Dentro una stanza un tavolo di legno
bicchieri vetrine cassetti pieni
fuori deserto pietre e tanta luce
non si udiva una voce e tutto era fermo
Strade interrotte e fili spezzati
sentieri persi
perché scrivo in versi?
Gli amici in casa,
tu andavi via.
In viso mi leggi
resta, stai qui.
Allora mi chiedi:
– ti fidi del Marocco? –
dico di sì…
perché di te mi fido.
Anche lì era passato un santo.
Mi dai una foto
tu con un’amica a fianco.
Esci di casa, l’aria di fuoco,
ti volti saluti sorridi
dall’ultima volta
ti seguo lontana.
Speranza e ricordo.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento