username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Daria Bignardi

in archivio dal 25 ott 2011

14 febbraio 1961, Ferrara

segni particolari:
Ho esordito in RAI, passando per Mediaset sono arrivata a LA7.

mi descrivo così:
Sono una conduttrice e scrittrice italiana. Le interviste agli ospiti dei miei programmi sono originali e pungenti.

14 maggio alle ore 20:55

Storia della mia ansia

di Daria Bignardi

editore: Mondadori

pagine: 186

prezzo: 16.15 €

Acquista `Storia della mia ansia`!Acquista!

Una storia intima, sofferta, sincera, quella che Daria Bignardi al suo sesto libro offre ai lettori. Tacitamente autobiografica, l’autrice che ormai non vuol saperne più niente di telecamere e televisione, ci racconta del suo rapporto con l’ansia, ma soprattutto con il sopraggiunto male, un tumore che le stravolge la vita e la pone in una situazione ancora più critica rispetto alla malattia e alla relazione con l’inaspettato.
Lea/Daria afferma: "Il buono di una malattia è che capisci cosa viene prima. Lo senti senza più incertezza, ed esci dalla ruota del criceto. Per piena che sia, ogni vita, prima o poi, diventa una bolla in cui fai sempre le stesse cose. Quando ti ammali la bolla esplode. Fai esperienze nuove, conosci nuove persone: medici, infermieri, altri malati. Altri mondi.
Mi piacciono le sorprese, così tanto che la notte di San Lorenzo dell’estate scorsa, guardando le stelle cadenti, avevo espresso il desiderio di riceverne una.
Non avevo pensato di chiedere che fosse bella».

Ma Lea donna dal carattere duro, riesce a trovare una sua dimensione, a non annullarsi completamente, pur sentendosi sempre prigioniera: «ci ho messo tanto a riconoscere di essere diventata anch’io una persona ansiosa: per via delle manie di mia madre l’ansia per me era la cosa più brutta del mondo, non potevo accettarla. Io ero quella che reagiva, non quella che si arrendeva, come lei che si preoccupava di tutto tranne di ciò che importava davvero.
Mi sono concessa di riconoscere l’ansia solo quando ho creduto di aver scoperto la cura: scrivere storie, portarle in scena. È stata l’ansia a non farmi fermare mai».

Questo non è un libro sulla malattia, è un libro sul modo di affrontarla. Non c’è un atteggiamento giusto per tutti o una formula magica, ma Lea/Daria una certezza dopo il nubifragio l’ha ricevuta, che l’amore è un passo fatto d’istinti, di pulsioni, di smanie involontarie, anche quando tuo marito, Shlomo/Luca, sembra non volerti, o non sapertelo esprimere abbastanza, e tu stai lì che sceglieresti di nuovo lui mille volte, nonostante tutto, anche con tette di plastica e capelli da barbie.

recensione di Gino Centofante

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento