username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

in archivio dal 10 ott 2013

Domenica Magnano

Siracusa - Italia
Segni particolari: Incantevole e dicono molto sexy!
Mi descrivo così: Fotopoetessa rock ma anche rap mi piace esprimere la mia voglia di comunicare con la poesia e la fotografia... quando poi i versi assumono anche un suono è fantastico. Adoro essere trascinata dalla musica, per me il suono è alla base di tutto!
Mi trovi anche su:

elementi per pagina
  • 27 gennaio 2016 alle ore 21:21
    INDIFESA

    DI TU MIA SCIENZA
    IL DECIDERE CON SICUREZZA
    IL GIUDICARE CON RAZIOCINIO
    LA COMPOSTEZZA DELL'EQUILIBRIO
    PERCHE' SIA SEMPLICE IL DIFENDERMI NELL'INGIUSTIZIA
    PERCHE' LA LEGGE CHE FINORA HA GIUDICATO
    NON SI DIMOSTRI LEGGE DI SECONDO ORDINE
    MA DI REALE UGUAGLIANZA
    FRA TUTTI SENTIRMI PARTE
    FRA TUTTI RITROVARMI
    NON ESCLUSA DAL SOCIALE
    ANCHE SE HO AMATO ESSERE PARTICOLARE
    MA NON VOLEVO FARE MALE
    SOLO VOLEVO ESSERE
    ESSERE PIU' LIBERA
    LIBERA DI AMARE
    AMARE LA VITA

     
  • 16 dicembre 2013 alle ore 23:12
    La festa

    C'era un killer
    c'era una festa
    una mano di poker
    e dei fuori di testa
    la regina della notte
    e la troia nascosta
    si rischiavano le botte
    e la droga che costa
    c'era del buono nel giro
    ed è finito nel mirino
    solo per mettersi in tiro
    e giocare a far casino
    hanno ucciso la troia
    che offuscava la regina
    mentre il boss s'annoia
    c'è chi fa la malandrina
    ruba a destra e a sinistra
    mentre parla al cellulare
    non c'è più la sinistra
    è sempre tutto da rifare!

     
  • 01 dicembre 2013 alle ore 21:24
    Fragilità

    Caduta dell'anima
    in stato di fragilità
    fa paura anche la sabbia
    fa paura ripetere le parole
    ripeto tre volte un nome
    ma è di persona che non ritorna
    e vorrei volare nel futuro
    più che camminare nel presente
    che mi fa sbavare morbosamente
    lasciandomi essere putrefatto

     
  • 13 novembre 2013 alle ore 23:49
    L'oratore

    Cercare di commuovere
    come intagliare l'acciaio
    con decisa precisione
    affondare le dita
    nel posludio d'organo
    quanto presenze sconosciute
    nel galoppo di un cavallo
    indagare le parole più alte
    dell'arte del perorare
    per fare apparire come ufo
    lacrime intrattenibili
    dagli ugelli degli occhi
    increduli ospiti dell'oratore

     
  • 29 ottobre 2013 alle ore 21:01
    Nel ricordo

    Madre avvolgente
    come un'idea
    che non ti abbandona
    come un abbraccio
    che vuol difendere
    il corpo e la mente
    dal freddo pungente
    Madre riunitiva
    della durezza
    e della dolcezza
    ne comprendi la sottigliezza
    anche se sorgo incompresa
    ribelle contraria
    mi allungo nel ricordo
    di bimba cullata
    amorevolmente rassicurata
    e riacquisto saggezza
    evitando il divenire
    mangime per polli e foraggio
    madre del mio coraggio
     

     
  • 24 ottobre 2013
    Ozono

    Guardando dritto al cielo
    un crocifisso sovrapposto
    io e dio natura
    su un letto d'acqua salata
    immersa nell'infinita
    concertazione d'amore
    che ci ha generati
    bucata dalla distrazione
    dal dare più attenzione
    a un danno che da guadagno
    nel suo lamento mi bagno
    troppi buchi sulla pelle
    troppi buchi alla natura
    salviamo l'odore del fulmine
    salviamo il nostro profumo

     
  • 17 ottobre 2013 alle ore 22:36
    IL SOGGETTO

    Nella circolazione
    seguendo il solco
    irretivo l'oggetto
    perdevo il controllo
    delle circonvoluzioni
    mi evase dal solco
    si rifugiò nel delirio
    di una libera circoncisione
    in gara col movimento
    di continue competizioni
    chiuse la circonferenza
    facendo oscillare
    le comunicazioni...
    tutto purchè si tornasse
    alle solite involuzioni

     
  • 10 ottobre 2013 alle ore 22:07
    Madre sotto le bombe

    Domani potrei non svegliarmi
    oggi ho paura degli spari
    ma trovo dove ripararmi
    non so chi sono i nostri sicari
    si sarebbe potuto ragionare
    ma non sono bastate le parole
    guerra che non si è saputa evitare
    paura e dolore che non si vuole
    sogno un elicottero che mi avvisti
    mentre scappo dalle macerie
    lo sogno con a bordo pacifisti
    che mi innalzino da queste miserie
    sogno tanto se dormo lo voglio
    perchè ho paura di un gas mortale
    paura di saltare in aria con un foglio
    che riporta la tua nascita vitale
    ma non ti assicura una buona vita
    non rassicura dalle incertezze
    ti dice solo che avrai un futuro
    in questo presente di amarezze...