username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Elisa Bellanti

in archivio dal 17 mar 2007

29 maggio 1982, Agrigento

segni particolari:
Solare, riflessiva, egocentrica, lunatica, imbranata, fragile... praticamente perfetta...

mi descrivo così:
Scrivere, per me stessa... Per le tre donne che si muovono nella mente e dai miei pensieri prendono vita. Scrivo per loro: per Varyena, Shynnovea e Shemaine. Tre caratteri distinti che all'unisono presentano un'unica donna... Me

19 marzo 2007

Le tre età della vita

{Seduta ad ammirare il dipinto di Gustave Klimt}

E’ giunta la notte.
Sembra che pianga l’anziana donna
distrutta dal peso della vita.
Un corpo deformato dal trascorrere del tempo
il capo reclinato
il volto coperto dalla mano scarna
come se volesse dimenticare
come se volesse già andare via.

Scende la prima lieve neve.
Serena la fanciulla chiude gli occhi
biondi i capelli cosparsi di fiori
bianche le mani
due rose le guance
 indisturbata riposa, tenendo una bimba in seno
con i pensieri che vagano lontano
al tempo che fu e a quello che sarà.

E’ già primavera
Dorme la bambina fra le braccia della madre
nuda fra leggeri veli
delicato il volto
innocenti i pensieri
sembra che nulla la possa turbare.
Attende fiduciosa lo scorrere del tempo
poiché non conosce ancora le tre età della vita.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento