username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Elisa Bellanti

in archivio dal 17 mar 2007

29 maggio 1982, Agrigento

segni particolari:
Solare, riflessiva, egocentrica, lunatica, imbranata, fragile... praticamente perfetta...

mi descrivo così:
Scrivere, per me stessa... Per le tre donne che si muovono nella mente e dai miei pensieri prendono vita. Scrivo per loro: per Varyena, Shynnovea e Shemaine. Tre caratteri distinti che all'unisono presentano un'unica donna... Me

06 giugno 2007

Tu, dono nel mio azzurro

E’ notte
lieve sento il tuo respiro
fra le note di una canzone già sentita
mille e mille volte per farti addormentare.
La adori, ti rilassa,
ti porge con dolcezza alle braccia di Morfeo
che ti culla come se fossi un tesoro prezioso.
Piccole stelle lucenti nascoste dalle tue palpebre socchiuse
riposano e morbide danzano nel tuo sonno tranquillo.
Sorridi
sorrido.
Chissà cosa pensi,
quali sono i tuoi sogni...
Come farfalle che delicate si posano su di un petalo
per non sciuparlo,
le mie dita toccano la tua fronte,
accarezzano i tuoi capelli chiari.

 

E non immaginavo,
che il tuo sguardo potesse un giorno incontrare il mio
che fossi stata capace di amare così tanto
che senza di te oggi sarei incompleta
che sono incredula e tutto  mi pare impossibile
che la mia vita è meravigliosa
che sei mio figlio.

 

Splendido dono nell’azzurro della mia esistenza.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento