username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Emanuele Marcuccio

in archivio dal 02 feb 2009

10 gennaio 1974, Palermo - Italia

segni particolari:
Autore di un dramma epico in versi liberi (Ingólf Arnarson, 2017) di ambientazione islandese e medievale e di 4 sillogi: tre di poesia (Per una strada, 2009; Anima di Poesia, 2014; Visione, 2016) e una di aforismi (Pensieri Minimi e Massime, 2012). Dal 2010 sono anche curatore editoriale free lance.

mi descrivo così:
Scrivo poesie e aforismi. Sono anche curatore editoriale free lance, finora sei sillogi di poesia sono uscite a mia cura, di cinque curandone anche la prefazione; sono anche curatore di sei antologie. Sono ideatore e curatore di un progetto poetico: "Dipthycha", con tre volumi finora editi.

04 ottobre 2011 alle ore 22:20

Per i terremotati d’Abruzzo

Tutto hanno perduto,
le macerie li han travolti
e in un minuto
le loro case, la sicurezza
li ha abbandonati.
Corpi dispersi,
corpi ritrovati
vivi e feriti,
che si perdono nella massa informe,
che si annullano tra le macerie
nella rovina,
nel pianto,
nell’abbandono.
Vista orribile, dolore orrendo!
I sopravvissuti che sopraggiungono
si perdono in quel mare di cemento,
si confondono nella rovina di quelle case,
e chiedono aiuto, a tutti chiedono aiuto!

(8/4/2009)

Da Emanuele Marcuccio, Anima di Poesia, TraccePerLaMeta Edizioni, 2014.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento