username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

in archivio dal 21 nov 2012

Emilio Basta

28 giugno 1945, Venosa (PZ) - Italia
Mi descrivo così: Sono un sensibile sognatore, amante di tutta la poesia di autori emergenti.

elementi per pagina
elementi per pagina
  • 25 giugno alle ore 13:24
    L'AGLIANICO DI ORAZIO FLACCO

    Corposo del color rosso rubino
    L’aglianico è un liquore altro che vino
    Quando lo bevi preso giù dal tino
    O dalle botte di rovere delle cantine
    Di Venosa sopra le pendici del Vulture
    Dalla terra vulcanica di Monticchio
    Dove si coltivano vitigni dalle forti radici
    Che producono un vino
    Che berresti a secchiate
    Il caldo sole del meridione
    Fa maturare l’uva al punto giusto
    Questa è la ricchezza delle nostre zone
    L’ uva con acini grossi e succosi
    Grazie a Dio penzola dalle viti
    Come veri gioielli
    Solo gli inesperti non l’hanno capito.
    Da un cesto pieno di grappoli dorati
    Si riempie una botticella di vino
    E soddisfa scapoli e sposati
    E tutte le persone che ne sono degne.
    Orazio era un donnaiolo e buon intenditore
    E ne ha bevuto di molte qualità di vini
    Ma l’aglianico lo rendeva vispo e gaio
    E ti scriveva poesie a catena, una dopo l’altra
    Si alzava presto e vedeva il sole sorgere giocondo
    Al cospetto della bellissima Roma forte e potente
    Grandiosa capitale del mondo.
    Dell’aglianico queste sono le virtù
    Ti fa sentire allegro, sazio e consolato
    Caro amico se vuoi gustarlo vieni a Venosa
    Nella tranquilla terra di Basilicata
    Il clima è dolce, l’aria è pulita
    L’ossigeno ti riempie i polmoni
    E donerai maggiore impulsi alla tua vita
    Inoltre sentirai suonare le campane
    Per cento anni.

     
  • L’AGLIAN’CH’ D’ ORAZ’ IE
     
    Curpas  d color russ ruben
    L’aglianech jè nu resorio ruben
    Quannlu vev pegliet da u tan
    D r  vutt d rover d la cantène,
     
    Venosa du vulture sope l pendace
    Da la terr’ vulcànecha d munticchie
    I fort vetegn da r fort radec
    T dajè nu vène ca ne viviss a quarter,
     
    U caur sol’ du mèrdion
    Face ammaturè l’auvè a upunt giust
    Queste jè la recchezz d’ chiss zone
    Ca t prodauc u veère meglie moust,
     
    U muste pign ch acini succause
    Grazia a Deaie pènnenn  da r vète
    So vere giuielli tant preziasi
    Sol’ i gnurant non l’hann’ capète,
     
    Dai cesti pieni d grappol dorat
    D vèn e ne ènchiene d mantegne
    Da consola scapul e sposat
    E tutt r persone ca ne so degne,
     
    Orazie donnaial e bun gostaie
    D ciòtole s ne iè vippte at vène
    L’aglianch lu rendaie vesp e gaie
    Ca t sfurneie puesie a catene,
     
    Vedav u sole sorger giocond
    Sup alla bella Roma fort e putent
    Captel du lu munn
    Surchiànnesè nu cucch lentament,
     
    D l’agliancha chiss so l vertù
    T sint allegre , sazie e cunsulete
    S’ vuie gustarl amech car vine que
    Nella tranquilla terra d Baselecate,
     
    U clame jè dolce e l’arie jè pulat
    D’ossiggene t inghiae i pulmane
    Darjè maggior impuls alla vata toie
    E la campane a cint’ann sone.

     
  • 23 giugno alle ore 13:38
    CARPE DIEMME (FORMA DIALETTALE)

    “Carpe diem disse il Poeta Orazio”
     
    Pigliete ù jurn bbune quann l’haje
    Ca mene t l’aspitt e haje nu uaje,
     
    Nu murs bbune e nu rezzole d vene
    Smezzann pure la vott d la cantene,
     
    Abbind t quann t sint stracque
    E nun t’accuntentà d pane e acque,
     
    La ser’ v facete nu cutturidd
    Se jè fatt afort cu nu mericanidd,
     
    Suppressat, furmagg e nucellene
    Cibb sanizz e tu t sint chiene,
     
    Acchè serv a fè u superb quann’ aia morè
    St ccose so meglie subbit a capi,
     
    Si vù tre nnante la vete p c’intann
    All’aut munn veje ch tutt i pann.

     
  • 23 giugno alle ore 13:36
    CARPE DIEMME (FORMA IN ITALIANO)

     
     
    Del buon consiglio io te ne ringrazio
    La vita prenditela come viene
    Trattati bene come si conviene,
     
    Cerchi di lavorare il necessario
    La vita è bella e a vote è un calvario,
     
    I veri amici bisogna tenerseli cari
    Perché nella vita sono eventi rari,
     
    Sulla tavola deve starci il necessario
    Non serve tanto cibo in abbondanza,
     
    Ama il tuo prossimo come te stesso
    Altrimenti faresti una pessima figura,
     
    Perciò sii bravo, tollerante e giusto
    Altrimenti la morte si prenderà gusto.
     
     
     

     
  • 15 giugno alle ore 18:07
    Nuvole Di Oggi

    La notte nel buio
    Respiro con Dio
     
    Attimo per attimo
    Respira i miei pensieri
    E vola via
     
    Volo di fiore in fiore
    E dentro di Lui
     
    Sei nel mio cuore
    Non ti conoscevo
    Eppure mi mancavi.

     
  • 15 giugno alle ore 18:06
    Nel Buio Respiro Con Dio

    La notte nel buio
    Respiro con Dio
     
    Attimo per attimo
    Respira i miei pensieri
    E vola via
     
    Volo di fiore in fiore
    E dentro di Lui
     
    Sei nel mio cuore
    Non ti conoscevo
    Eppure mi mancavi.

     
  •  
     
    Gioca il sole con la luna
    Giocano le nuvole
    Con le braccia protese
    Ad un giorno mutevole
    Gioca il venticello
    Con la collina
    Che domina la vita
    Sul paese di chi lavora
    Il vivere quotidiano
    Giocano i cani dispettosi
    E fuggono dalla quiete
    Della notte tranquilla
    Poi:
    Quando il cielo si vela
    E le nuvole si elettrizzano
    Per bagnare i casi della vita
    Trionfa il gioco della natura.

     
  • 14 giugno alle ore 12:21
    Disegni E Dipinti Nel Cielo

    Nel cielo
    Disegni e dipinti
    Fuoco, luce e fumo
    Dipinti e paesaggi
    Ritrovo ricordi
    E storie vissute.
    Giro le spalle
    Alla mia collina verde
    Per vedere la notte
    Sentire
    Il suo silenzio
    La sua musica
    Che arriva dal vento.
    Mi perdo nel buio
    Mi rivolgo alle stelle
    Mi rivolgo alla luna
    Ma rimangono sorde.
    Provo a fermare il tempo
    Per farlo ritornare indietro
    E rivivere storie passate
    Momenti da commemorare
    Ma lui si diverte a burlarmi
    Accetto il gioco per beffare
    Il mio cuore spasimante.
    È scritto nel cielo stellato
    Che la mia anima deve penare.
    Vivo in una casa toccata
    Da gioie e dolori… è la vita.
    Essa vuole vincere
    E non lo sa gridare
    Ti pare poco…
    Non riuscire a capirlo?!?

     
  • 14 giugno alle ore 11:02
    Notte Mia

    Notte mia!
     
    Espressione mistica
    Navighi nei miei pensieri
    Oziando con le tue stelle
    E non mi basti mai.
     
    Una lunga fila di fiori
    Aromatizzano al sole
    Lungo il viale che porta
    Alla casa di campagna
     
    Dopo un lungo inverno
    È arrivato il momento
    Di pensare ai sogni
    Oliveto e frutteto assolati
     
    A valle il ruscello mormora
    La fauna si raduna al fresco
    Poi prende il volo per località
    Prodighe di cibo e placando la fame
     
    Felicemente si ritrova nella pace
    A sciabordare per rinfrescarsi
    E godersi i giochi di moltitudine
    Sino a nuovi tramonti.

     
  • 13 giugno alle ore 17:45
    Nebbia Nell'Azzurro

     
    Bello questo inverno
    Che mi regna dentro.
     
    Nell’aria
    Fra l’azzurro
    E il tuo fumo
    Fra le mani
    E nel tuo cuore
    La tu anima
    Come una nuvola
    Gioca con il sole
    Prima che si affaccia
    Dalla montagna
    E sorride alla vita.
     
    Le tue ombre
    Penetrano la quiete
    Del cielo e rimangono
    Sole nel buio
    A dormire.
     
    Ti ho mai vista?
    Ti ho mai avuta?
    Oppure ti avrò?

     
  • 12 giugno alle ore 17:39
    L'Anima Del Vulcano

     
    La lava abita l'anima
    Del vulcano.
     
    La lingua infuocata
    Che scivola dall'alto.
     
    Serpeggia
    Nel tempo
    Si raffredda
    E muore a valle
    Fra il vento e i respiri
    Che si smorzano
    Nella calma della sera.
     
    I tramonti si susseguono
    Alle notti durevoli
    Nella pace dei cieli
    E nella luce dei giorni infiniti
    Lesti a minacciare l’incuria umana.

     
  • 12 giugno alle ore 12:47
    Amore Per La Luna

    Amo la luna
    Per vivere in due
    Lei per me
    È un poeta prodigo
    Mi regala l’anima
    Mi penetra dentro
    Capisce e mi dice.
     
    È il cuore del mondo
    La maestra del silenzio
    È l’anima immortale
    Quando si nasconde
    Si sente il suo respiro
    Non ti fa camminare
    Mai in solitudine
    T’indora con i suoi colori
    E nel silenzio della mente
    L’immenso ti fa sognare.

     
  • 10 giugno alle ore 11:48
    L'Uomo Che Sussurava Ai Suoi Pensieri

    Querce curve
    Dai rami tremuli
    Su dei tronchi immobili
    Un venticello proferisce
    Sussurri alla collina
    Conosco un uomo
    Che vive solo d’amore
    E una donna che gli somiglia:
    Ella non vive in cielo
    Non vive in terra
    Vive sospesa come una stella.
    Ondeggia in piena notte
    Luccica tra cielo e mare
    Per nutrire la fantasia
    Dell’uomo solitario
    Errante controvento
    Che sussurra l’amore
    Ai suoi pensieri.

     
  • 09 giugno alle ore 11:38
    Vorrei Un solo Cielo E Una Sola Luna

    Mamma mia
    Quanti cieli
    Quante stelle
    Questa sera!
    In questo momento ti vorrei
    Più ci penso e più ti vorrei.
    Vorrei un solo cielo
    Vorrei una sola stella
    Ti cerco, ti cerco
    Ti vestirei di sole
    Ti vestirei di luna
    Della loro purezza.
    Se ti trovo volerei
    Fra gabbiani e poesia
    Che mi tracciano la via.
    Cammino, cammino
    Fra allegria e malinconia
    Ci penso, ci ripenso
    E continuo a cercarti.

     
  • 07 giugno alle ore 18:24
    Percezioni Nella Nebbia

     
    Da una cupola di nebbia
    Sgronda la pioggia
    Sul mare che muta armonia
    Ora suona una musica nuova
    Dolce e soave, triste e lagnosa
    Con note usuali e inconsueti
    Un’ aria stupefacente.
     
    Danza il mare e si culla la barca
    E su di essa danza il pescatore
    E la sua vita misteriosa
    Continua la barca a graffiare
    Nuovi posti dell’immenso mare.
     
    Nei capelli al vento vive il mare
    E a lei scivola il velo di seta
    E mette a nudo la sua pelle bruna
    È il mistero della bellezza femminile
    L’immaginazione del pescatore
    Che sente nel suo immaginario
    Odori e sapori della sua donna.

     
  • 07 giugno alle ore 9:59
    Luna Pallida

     
    Io,
    Vampiro dei sogni!
     
    Turbato nel cuore
    Muto e pensieroso
     
    In una notte la luna
    Si nasconde dispettosa
     
    Dietro le nubi altezzose
    Che fuggono veloci
     
    Finalmente si affaccia
    Alla finestra del cielo
     
    Impallidita
    Poi Luminosa
     
    Splendente
    Rossiccia
     
    Domina nella notte stellata
    E guarisce i mali del cuore.

     
  • 04 giugno alle ore 18:02
    Come Una Persona

    Tengo Igor per amico
    Migliore di una persona
    La sostituisce in pieno
    Qualche volta disubbidisce
    Subito capisce e ti stupisce
    Quello che l’orgoglio umano
    Non riesce a capire, anzi …
     
    Guinzaglio non ne vuole
    È contenuto nella libertà
    La sua simpatia conquista
    Trofei e tante medaglie.
     
    Gioca con i bambini
    Si diverte con i gatti
    Elargisce tanto amore.
     
    In cambio di poco
    Restituisce moltissimo.
     
    Un dì un uomo lo apostrofò
    Animale, bestiolina vai via!
    Lui lo guardo, lo fissò’ si alzò
    E lo ignorò, Il soggetto intuì
     
    Recepì la lezione e mormorò
    Esclamando a voce alta
    Chi è l’animale Lui o sono Io.

     
  • 03 giugno alle ore 11:50
    L'ERRANTE SOLITARIO

     
     
    Cupo
    Passo Lento
    Spalle curve
    Manifesta
    Preoccupazione
    Il viandante
    Sorpreso
    Dalla bufera
    Si ferma
    Ed osserva
    Le avversità
    Della natura
    Senza scrupoli
    L’avventuriero
    Dal destino avverso
    Si tempra l’animo
    Eludendo ogni regola
    Controvento
    Controcorrente
    Eccitato
    Senza amici
    Senza nemici
    Duella
    Con sé stesso
    Buono di animo
    Pronto ad aiutare
    Il bisognoso
    È indiscusso
    Indomito
    Forza della natura.

     
  • 01 giugno alle ore 11:51
    La Gioia

    È una giornata di sole
    Ai piedi della collina
    Vive il paese
    Fra tradizione e civiltà
    Vivendo il circoscritto
    Il circoscritto mi garba
    La pioggia mi dà gioia
    La neve che cade
    Mi fa godere.
    Rimanere dentro mi attrae
    Mi piace il cielo cupo
    Mi piace la nuova vita
    Odio il variabile
    Il temporale mi elettrizza
    Le nuvole mi fanno viaggiare
    Il sole mi inchioda ed io godo
    Il fuoco mi fa ardere
    Di gioia e di dolore
    E l’amore arde per tutti.

     
  • 31 maggio alle ore 20:02
    Verbo Amare

    Amo per me
    Ami per te
     
    Egli ama
    Noi amiamo
     
    Essi amano
    Gli altri amano
    Solamente per loro
     
    L’amore altrui
    È
    Amor proprio.
     
    Un amore nuovo nasce
    Per proprio tornaconto.
     
    Non ho mai amato tanto
    Per la tua esultanza
    Non ho mai amato tanto.

     
  • 28 maggio alle ore 17:56
    Tristezza

    Ho parcheggiato l’allegria
    Fra il frastuono del vociare
    E la quiete del mio paesaggio
    Che riprende la consuetudine.
    Cavolo!
    Stasera non mi giova nessun posto
    Non sopporto nemmeno le stelle
    Tanto più il loro flusso luminoso
    Anche la luna come un’ombra
    Mi perseguita
    Non riesco ad eluderla
    Il suo sguardo penetrante
    Viaggia su e giù per il cielo
    Cambia forma
    Muta colore
    I suoi occhi ossessivi
    Mi seguono sempre e ovunque
    Cosa vuole questa sera da me
    Desidera farmi capire qualcosa
    Non intende di essere sfacciata
    La sua sensibilità ignora tutto
    Anche il mio bisogno del buio
    Non mi serve la sua compagnia
    Ho bisogno della notte serena
    Per meditare e per riordinarmi
    Insomma ho bisogno che l’oscuro
    Mi aiuti a scacciare la tristezza
    E rimettere ordine dentro di me.

     
  • 28 maggio alle ore 17:53
    Un Sogno Nel Sole

    Il sole fanciullo
    Mi bacia la pelle
    Con il suo calore
     
    Poi si veste
    Da adulta
    Malizia
     
    E mi regala
    Alla luna che mi culla
    Nella notte stellata
     
    Ed un mare musicista
    Mi strimpella
    Una dolce serenata.

     
  • 28 maggio alle ore 17:51
    La Farfalla Respira Fra Le Rose

    La Farfalla
    Respira fra le rose
    Bagnate di rugiada
    Insegue il Paradiso
    Si posa nelle mie mani
    E non pensa al domani.
     
    Sotto le stelle ha trovato
    La primavera
    E al mattino gli dono
    Il suo cuore e i raggi di sole.
     
    Ora vivrà dove vorrà
    Oggi qui
    Domani lì
    Ora vive dentro l’anima.

     
  • 24 maggio alle ore 12:10
    L'Albania (La Guerra)

     
    L’arruffio d’una barca in avaria
    Avvampata sotto l’arsura
    Di un sole tanto audace
    Alla ricerca dell’attracco
    Ad una banchina che argina il mare
    Prodigo di avannotti
    Mentre nell’aria graziosi gabbiani
    Sorvolano i moti dell’Adriatico
    E le sventure dei gommoni
    Gremiti di speranze
    Stracolmi di paure e incertezze
    Attuali e future.
    All’orizzonte l’aliscafo
    Anfitrione dei mari
    Alitato dai venti e dai motori.
    Angustia e angoscia pensieri
    Man, mano che accorcia il tempo
    Stupisce e allibisce
    Colui che allarga le braccia
    Per alleviare il tormento
    E passare dall’angustia
    Ad una allestita accoglienza
    Che dona alla speranza
    L’anima per il futuro.

     
  • 21 maggio alle ore 19:21
    Pensando a Te

    L’anima in un pensiero
    Scolpita dal sole
    Dipinta da colori vivaci
    Profumata di mimosa.
     
    Le campane suonano a festa
    E festa non è.
     
    Non ti conoscevo
    Luminosa fanciulla
    Eppure mi mancavi.
     
    Più ti conosco
    E più mi manchi
    Povero cuore mio.

     
elementi per pagina
  • 12 maggio alle ore 12:54
    La Famiglia

    Come comincia: La Famiglia
     
     
    Basta un papà e una mamma un figlio o una figlia per fare una famiglia.
     
    Solo chi è solo, poverino, cerca una famiglia una casa del vicino.
     
    Le famiglie formano un paese e qualche volta persino una città dove la gente è tanta ma ci sta tutta quanta.
     
    Al caldo o al gelo nella capanna o nel grattacielo nei paesi o nelle città vive la grande famiglia “umanità”
     
    Chi è giallo, chi è bianco, chi nero.
     
    Ma se c’è la pace una sola famiglia è il mondo intero.
     
     
    Di: emilio basta – Venosa – Potenza. 2022***2022

     
  • 12 marzo alle ore 20:33
    Storiella

    Come comincia: STORIELLA
     
    Sono Un Portafortuna
    Ad un torneo di bocce del Centro Anziani di Venosa volevo toccare la gobba di una vecchietta, convinto che mi avrebbe portato fortuna. Finalmente, dopo tantissimi stratagemmi e senza dare nell’occhio, sono riuscito a toccare l’agognata gobba. Mi sono abbracciato l’ignara vecchietta, senza dire nulla delle mie reali intenzioni!
    E mi sono messo ad aspettare con ansia gli effetti positivi della mia iniziativa. Prima o poi la fortuna doveva arrivare!
    Dopo qualche giorno ho incontrato l’arzilla vecchietta, che, con mia grande sorpresa mi ha abbracciato dicendomi: “Ciao Emilio sai una cosa? Mi hai portato fortuna! ho vinto la coppa del torneo e mi sono piazzata al primo posto!!! Grazie, grazie per avermi portato fortuna!”
    Morale della favola: ho sempre donato e mai ricevuto.  (LA STORIA È VERA! GLI AMICI ME LO RICORDANO SEMPRE PER PRENDERMI IN GIRO).
     
     
    Di: emilio basta – Venosa – Potenza.***

     
  • 19 febbraio alle ore 20:53
    L'Utente Della Strada (SATIRA)

    Come comincia: In una situazione d'emergenza
    Un conducente nervosetto
    Per motivi suoi
    Circolava
    Con animo palesemente alterato
    E percorreva una strada del paese
    Senza avere libero l'uso delle mani
    Perché telefonava ad un'altra persona.
    L'autista non identificato, lungo la via
    Rendeva difficile la guida ad altri
    Perché con fari lunghi, abbagliava
    Un minorenne alla guida contromano
    Di un ciclomotore sprovvisto di targa
    Senza casco e con il fanale spento
    Procurando pericolo alla circolazione.
    Sulla stessa via in prossimità d'intersezione
    Un altro autista effettuava un'inversione a "U".
    L'Ente della strada avendo legittimo titolo
    Consapevole del pericolo costante in quel punto
    Collocava un vigile molto diligente
    L'agente Infastidito ed alterato, in quello stato
    Senza volerlo, procurava un colossale ingorgo
    Tanto che l'impianto semaforico pareva impazzito
    Ed emetteva luce intermittente in armonia natalizia
    Gialla. mai luce verde e mai luce rossa.
    Tutti ormai circolavano a distanza non idonea
    Senza l'opportuna sicurezza c'era una catena
    Di tamponamenti ed un colossale disagio per la città.
    Indovinate di chi era la colpa per quei poveretti?
    La causa di tutto, era dell'Agente Polizia Municipale

     
  • 12 aprile 2014 alle ore 9:50
    La Nuvola Capricciosa

    Come comincia: Dopo una notte invecchiata, sull’ uscio della porta della mia casa di campagna volevo salutare la prima luce, ma una nuvola randagia e dispettosa, si è permessa di velare il giovane sole, il quale cresciuto un pochetto l’ha dissolta con il suo calore.
    E così in questo giorno di calma estate mi sono goduto il tepore del fanciullo giorno.
    A sera avanzata ha fatto la stessa cosa con la luna, che indispettita ha chiesto aiuto ad Eolo il quale rabbiosamente l’ha spazzata via e, per lungo periodo mi ha fatto gioire fra la pace di tante aurore e molti tramonti.
     

     
  • 04 febbraio 2014 alle ore 16:50
    Storia Dell'Arca Di Nooel

    Come comincia: Dio c'è… L'Universo pure, non manca "LEI LA PIA DONNA", colei che sussurra al branco dei cavalli, colei che in un raro momento di anormale bontà, per opera e virtù dello Spirito Santo ha concepito e partorito " LA BANDA COLPISCIE FUGGI".
    Uno alla volta "LEI" INVITA A SALIRE TUTTI sull'ARCA DI NOEL che non può salpare per via del mare che ha prosciugato in una sola bevuta.
    Trasparente e innocente annota sul "BROGLIACCIO DI BORDO" i nomi dei signori "ARMIAMOCI E PARTITE", vale a dire:
     
    1- "LO ZIGRINATO", e il signor "TENENTE, BRIGADIERE COLOMBO" soprannominato "RAVANELLI, L'INDIANO PENNA BIANCA", e li colloca, non avendo la magia di farli sparire, nella stiva di bordo per non vederli.
     
    2- Dopo chiama "IL MARESCIALLO O TENENTE ALBERTONE IL SIMPATICONE" specialista in evasioni a ripetizioni.
    Albertone il brigadiere dei sogni per non perdere lo scettro di imperatore chiama subito al suo fianco…
     
    3- "IL SIGNOR SI E MAI SIGNOR NO CARLO ALBERTO DI SICILIA" che in materia di latitanza è il " LEGALE RAPPRESENTANTE".
     
    4- Per fortuna che c'è " IL CONTE DRACULA" il quale gode e sguazza nella "calma del silenzio" e non riesce mai a mordere la preda perché dalla bara esce solo di giorno temendo la luce.
     
    5- Ora è il turno dell'Imperioso " ROSSO MAL PELO" ovvero "PAGLIA RICCIA E CANCELLO" il carceriere che non aspetta altro che rinchiudere gli spavaldi " ATTENTI A QUEI DUE".." CAVALLO PAZZO E TUONO ROVENTE" che messi insieme si complementano nel " GIUSTIZIERE DEL GIORNO".
     
    6- A questo punto ci vuole solamente la benedizione della serata, quella di " DIO CHE RICADE SU DI VOI", ce la impartisce " IL CHIERICHETTO DALLE BUONE MANIERI", il rumina emozioni dai cattivi pensieri e non solo quelli.
     
    7- Volutamente ho tralasciato fuori dall'ironia " I MAGNIFICI DUE" austeri, imperiosi e pacifici che non si salveranno nella cena del prossimo futuro…

    Firmato
    Lo Zigrinato che saluta
    Trilussa e Company
     

     
  • 01 giugno 2013 alle ore 10:30
    Storiella

    Come comincia:  Sono Un Portafortuna

    Sono Un Portafortuna

    Ad un torneo di bocce del Centro Anziani di Venosa volevo  toccare la gobba di una vecchietta, convinto che mi avrebbe portato fortuna. Finalmente, dopo tantissimi stratagemmi e senza dare nell’occhio,  sono riuscito a toccare l’agognata gobba. Mi sono abbracciato l’ignara vecchietta, senza dire nulla delle mie reali intenzioni!

    E mi sono messo ad aspettare con ansia gli effetti positivi della mia  iniziativa. Prima o poi la fortuna doveva arrivare!
    Dopo qualche giorno ho incontrato l’arzilla vecchietta, che, con mia grande sorpresa  mi ha abbracciato  dicendomi: “ Ciao Emilio sai una cosa? Mi hai portato fortuna! ho vinto la coppa del  torneo e mi sono piazzata al primo posto!!! Grazie, grazie per avermi portato fortuna!”

    Morale della favola:  ho sempre donato e mai ricevuto.( LA STORIA  E’ VERA!  GLI AMICI ME LO RICORDANO SEMPRE PER PRENDERMI IN GIRO ).

     
elementi per pagina