username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Enza Iozzia

in archivio dal 16 feb 2012

16 aprile 1972, Modica - Italia

segni particolari:
Nel Comitato dei Lettori dal 2012.

mi descrivo così:
Io sono il prototipo della persona normale, ma con qualcosa di speciale: spontaneità, entusiasmo e voglia di imparare, il tutto accompagnato dalla consapevolezza dei miei limiti. Sempre sorridente, nella speranza che ogni mio sorriso porti "letizia" nel cuore di chi soffre.

26 dicembre 2012 alle ore 11:45

La porta della vita

Si rici ca si ciuri na porta e si rapi nu purticatu.
Ma l'amuri si po' paragonari a na porta?
Nun sacciu a viatri ma a mmia picca m'amporta.
Tuppulia accussì forti
u ma cori ca mi pari ri nun sentiri a morti.
A ma porta è sempri spalancata
e c'è puostu pi amici e pi cu si senti scunsulata.
Rapitimi u purtuni, cu firucia trasiemu
e cu alligria nisciemu.
Purtati a vostra pacienza
e nun vi fati fregari ra indifferenza.
Accomodatevi, lievu puri u tappitu
e mettu pampini ri ciuri profumatu.
Lassu a porta a filazza,
ma nun mi faciti nesciri pazza!
TRADUZIONE: Si dice che si chiude una porta e si apre un portone. Ma l'amore si può paragonare ad una porta? non so a voi ma a me poco importa.Bussa così forte il mio cuore che mi sembra di non sentir la morte.L mia porta è sempre spalancata e cè posto per amici e per chi si sente sconsolata.Apritemi il portone, con fiducia entriamo e con allegria usciamo.portate la vostra pazienza e non fatevi fregare dall'indifferenza.Accomodatevi, tolgo pure il tappeto e metto foglie di fiore profumato.Lascio la porta socchiusa,ma non mi fate uscire pazza!

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento