username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Erika Catalano

in archivio dal 09 ott 2006

16 giugno 1976, Palermo

segni particolari:
Nessuno

mi descrivo così:
"E non era una stupida, sapeva quel che voleva - solamente voleva delle cose impossibili." C. Pavese

09 ottobre 2006

Il mare è madre

Il mare è madre
(tra le mie braccia ti cullai)

Di onda in onda venni a riva,
figlia di spuma inquieta
e inquietudine mi accompagna in ogni strada.

Ahimè natura ingrata,
che mi vesti di umana parvenza.
Perversione che perpetri nei miei giorni privi di branchie.

Il mare mi è madre
(tra le mie braccia ti cullai)

Grembo ovattato che mai scordo
tra questi cumuli di cemento,
asfissia per l’anima.
Agonia di non respiro,
gabbie vischiose
di soffocanti silenzi.

Il mare fu madre.
(non mi scordare)

Tra questo baratro che ci divide,
di queste onde che incrementano distanze.

Chiudo gli occhi.

(Ascolta il mio canto
nenia che ti culla.
Placenta che ti avvolge e protegge.
Nutrimento per le tue urla
che mai sento affievolire.
Io ti son madre,
figlia persa in anfratti di cemento
che edifichi con puntigliosa costanza,
in un periplo immaginario
che non ha mai sosta.)

Il mare mi è madre.
Non lo scordare.
Del mare ho quiete e potenza che tutto distrugge,
in questi giorni di equilibrista,
mia condanna terrena.
Il mare mi è madre,
non lo scordare.
Seme di vento in grembo di mare.
Natura incerta.
Il mare mi è madre.
Non lo scordare.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento