username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Fabia Muscariello

in archivio dal 06 nov 2009

12 luglio 1981, Gaeta (LT) - Italia

mi descrivo così:
Io la vita me la godo... io la vita me la soffro....

07 luglio 2010

Apri gli occhi

Quando penso alla mia vita
mi viene in mente un balcone.
Un balcone con una finestra aperta,
tende bianche che assaggiano aria
che sfiorano i pensieri della gente.


Quando penso alla mia vita immagino mulini,
un lampione, un ombrello, un labirinto, un arcobaleno,
un sentiero che porta al mare,
un posto speciale in cui si può essere ciò che si vuole,
un’altalena, un vestito nuovo, un appuntamento,
una parola che s’intreccia ad un’altra,
un discorso lungo un’alba.
Una voglia discinta, un miracolo, un mucchio di risate,
una serie di abbracci efficaci, mille bolle di sapone,
bottiglie colorate ,conchiglie che fanno rumore.
Piccoli bagliori nel buio,labbra ad unirsi, suscettibilità,
salvezza e giustizia, conformità,senso logico,
magia e casualità, particolarità,
attenzione, amore incessante,acqua, malinconia,
perdono e ragione di essere se stessi, verità.


Quando penso alla mia vita
penso al richiamo all’allegria,
alla puntualità delle mie lettere,
dei miei momenti di panico,
alla speranza di farcela,
alla certezza di volermi bene così
per disegnare facilmente
un pensiero e iniziare a realizzarlo…


Quando penso alla mia vita penso
ad un incontro che vorrei tanto
Ad un libro
Ad un bambino
Ad una casa sul mare.
Ad un altro verso da comporre
al silenzio di questa casa
che mi dà pace
che mi regala tempo
che mi accarezza dentro.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento