username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Fedel Franco Quasimodo

in archivio dal 04 dic 2006

04 agosto 1960, Catania

mi descrivo così:
57 anni, impiegato scritti aforismi, poesie introspettive, sociali, religiose, numerosi riconoscimenti in concorsi letterari nazionali ed internazionali; presente in varie antologie. Accademico dell'Accademia Costantiniana di Palermo; Accademico e Cavaliere della Cultura Dell'Accademia il Rombo

04 dicembre 2006

Il pozzo del senza Dio

Quel Cristo
che non più vedi,
mentre costeggi i marciapiedi.
Quell'uomo fatale
seguirlo per te non vale.
Troppi impegni gravosi,
tanti oneri esosi
Egli chiede
al tuo orgoglio reboante;
il suo messaggio è tanto
rivoluzionario e provocante.
Pietà degli altri non hai
e sei ingeneroso con te stesso,
mentre erutti infamie
come un perverso.
Perché l'hai trascurato,
perché l'hai torturato
ogni giorno
col tuo peccato
Il Crocifisso è sempre adagiato
alla parete.
Due occhi chiusi
in un corpo martoriato,
non smettono di vedere
e di cancellare.
Ma il Figlio dell'Uomo
quando verrà,
osserverà qualcuno
indossar un abito elegante
per banchettar alla sua mensa?

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento