username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Federica Bucciarelli

in archivio dal 13 apr 2014

08 luglio 1990, Vasto (CH) - Italia

mi descrivo così:
Mi sto ancora cercando, mi sto ancora inventando....
ho riscoperto la bellezza del silenzio.
scrivere mi snoda le vene e posso viaggiare senza pagare il biglietto, riesco a dormire sul tetto e faccio tutto quel che posso senza dar troppo peso al loro verdetto.

03 settembre 2015 alle ore 22:11

STELLAPOLARE

Credo...anzi no...non credo...
Il diminutivo del mio nome....Fede...
Ma fede un corno...io non ne ho più un briciolo in corpo
Non credo più a niente...nemmeno a me..
A nessun accidente...
Ma credo...di non ricordarla più per niente...
La sua voce...
La voce di chi non si è dato mai per vinto...
Mai l ho visto perdente,..,
Mio padre....
E non ricordo che poche cose, forse sbiadite anche quelle
Ho sulla testa una trapunta di stelle
Plastica biadesiva che con la luce
Regala una finta opaca luce riflessa
Io nemmeno più incontro me stessa
Nello specchio, un foruncolo difetto
Della natura umana il dispetto
Lo inforco tra le unghie con disprezzo 
E la cicatrice ne è il prezzo
Etichetta sulla mia buccia spessa
Di ananaspescamela 
Raccolgo i capelli a vela 
Butto giù uno schizzo sulla tela...
E intanto credo di non ricordarmela 
Affatto....la sua voce...
Che per me...era come ragnatela...
E ci finivo dritta nella trama
Come una moscaFalena
E mi venderei questi quattro stracci
Spicci 
Per riaverla indietro...
Sentirla scavare nelle mie orecchie...
Sentirmi chiamare ancora...
STELLAPOLARE
E ancora sentirmi scavare...
STELLAPOLARE
E ancora sentirmi brillare....
STELLAPOLARE
E Ancora sentirmi amare...
STELLAPOLARE
E ancora sentirmi...
Chiamare...
 

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento