username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Federica Garofalo

in archivio dal 26 lug 2011

20 aprile 1986, Salerno - Italia

mi descrivo così:
Sono una specializzanda in Archivistica con la vocazione per la scrittura e il pallino del Medioevo e delle sue storie.
Nel 2011 ho vinto l'VIII edizione del premio letterario "Il racconto nel cassetto" con il racconto "Il Tamburo delle Sirene", di prossima pubblicazione.

30 ottobre 2011 alle ore 20:19

Canzone di Marotta Amalfitana per fra' Guittone d'Arezzo

Manco bonnì dicette a Ser Limone
ca fuje l’ammore d’‘e pazzielle meje:
nennella pure 'a notte 'o sonnaje,
mo nun me fa manco cumpassione.
Pecché i’ auti frutte aggio magnato,
doce n'ora, e mo’ amare assaje,
tanto ca ‘e tutte ‘e ccose me scurdaje
e dint’ ‘e vvene ‘o sango è ‘ntussecato.

Negra mene! Jastemmarria ‘o juorno
ca ‘e vierze vuoste sentette cantà,
e ‘o core mio chesto nun ‘o ppo’ ffà,
lle pare ‘e jastemmà ‘o Pataterno.
Pe’ vuje primmo ‘e subbeto sciurette,
e pure sape ca nun ve po’ guardà:
‘a sdamma cchiù bbella, Donna Puvertà,
dint’a ‘o lietto ‘e sposa ve stregnette.

Nun penzate malamente, pe’ pietà!
Cheste nun so’ parole ‘e gelusia:
chella ca chiammate Segnora mia,
sola dint’ a ‘o munno ve po’ mmeretà.
Si nun tenevate nisciuna ‘a servì,
pure si fuste annanz’ ‘a mana mia,
v’’o ggiuro, Ser Guittò, accussì sia,
primma ‘e ve tuccà priarría ‘e murì.

Tanto cchiù auto vuje site a me
ca l’agguila, ca vede ‘o sole ‘nfaccia;
e i’ songo ‘a maruzza ca d’ ‘e vvrecce
ve guarda, e ‘o sole lle pare ‘e vedè.
E ‘sto core me dice: “Statte accorta!
Tiene mente a chella ca, i’ ‘o ssaccio,
pe’ fforza vulette vedè ‘a faccia
‘e Giove, e d’‘a luce cadette morta!”

Ah, si sta terra ve chiammasse Santo!
Ve putarría prià a tutte ll’ore,
e si ve desse int’‘e mmane stu core,
‘e ve nchiaccà nun tenarría schianto.
Ma ‘a Segnora vosta accussì non vo’:
essa vo’ c’ aggia murì ‘e dulore
pecché cu’‘o sacrificio mio d’ammore
ve vulisse fa’ cchiù bbello ancora ‘e mo’.

E tanno, ammènne, dico pur’io:
l’ammore mio dint’‘o core ‘nzerro,
e chesta croce, ca a me m’ atterra,
a vuje adda purtà ‘nzino a Ddio.
Nun ve cerco niente, manco ‘e ve parlà,
pure si co’ st’arma haggia fa’ ‘a guerra:
sempe ve po’ cadè nu grano ‘nterra,
autro nun addimanno ca d’‘o piglià.

‘O nomme nun l’aggiate maje sapé
‘e chesta Amalfitana puverella
ca mo’ ve canta sti quatto verzulle
e ‘nziemme a ‘e ‘llareme nun s’’e po’ tenè.
I’ a Donna Puvertà ‘e metto ‘nzino:
essa adda ricamà ‘na vesta bbella
ca cchiù lucente v’adda fa’ d’ ‘a stella
ca purtaje ‘e Magge ‘a Ggiesù Bbambino.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento