username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Federica Guglielmi

in archivio dal 12 mag 2009

21 gennaio 1989, Taranto

mi descrivo così:
Eclettica e policroma.

29 marzo 2010

- Life of nonsense -

La ragione, il torto, la stima e il disprezzo
la morte, la vita, il perdono e il suo prezzo

Giochi a scacchi con il fato
sposti avanti la pedina
la sfortuna con un ghigno
ti divora la regina

E' un losco gioco, è la rovina, un folle gesto
il sogno, l'incubo, il buio pesto

Inganni il destino vestito da orco
armeggi il fuoco, la verità, la bugia, il denaro sporco
Ti illude per poco
la vittoria tu brami
ma in un attimo afferra tutto ciò che più ami

Stringi i pugni
serri i denti
sangue, sfide, lotte e perdenti

Chiudi gli occhi
fingi il niente
il tuo io che non si arrende e né si pente

Componi un pezzo, azzardi un passo
il genio, il santo, l'idiota e il pazzo

E quando stremato ti darai per vinto
dalla manica sbucherà l'agognato asso
la finestra, il libro, la TV, il dipinto
il tuffo in un fiume di un gran sasso

Decanti l'amore, assapori l'amaro
canticchi la strofa di un brano raro
e quando il cielo si trapunta di stelle
risenti sul letto il profumo di quelle

serate d'estate passate a guardare
la sabbia, la luna, le onde ed il mare.
Arriva la brezza
una lucciola lampeggia,
riaffiora un ricordo, il cuore si spezza.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento