username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Federica Guglielmi

in archivio dal 12 mag 2009

21 gennaio 1989, Taranto

mi descrivo così:
Eclettica e policroma.

22 settembre 2009

I sogni

E ci aggrappiamo ai sogni
gli stessi che ci fanno sprofondare lì,
nel baratro della malinconia…
La luna? Le stelle? Il cielo?
Non si mira a nulla di tanta follia.
Abbiamo riso, pianto, ballato e urlato
nella speranza di continuare questo girotondo di emozioni.
Ma il destino crudele era lì
che aveva progettato i suoi piani beffardi
con molta maestria.
E ci nutriamo di sogni
che loro stessi ci fanno morir di fame.
Non ne abbiamo mai abbastanza,
ce ne ingozziamo ma non ne siamo mai sazi.
I sogni… i nostri…
pietanze troppo prelibate finite
ancor prima di gustarne il sapore;
I ricordi… insieme…
una digestione che sembra non voler finire mai.
E così decidiamo di non riaprire
il nostro cuore così come una bulimica
si ripromette di non aprire più il frigo.
Trascorre il tempo per inerzia
ed io…
divento anoressica d’amore

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento