username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Fiorella Cappelli

in archivio dal 23 apr 2012

18 ottobre 1953, Roma - Italia

segni particolari:
Nel Comitato dei Lettori dal 2014.

mi descrivo così:
Poetessa, scrittrice, recensionista e giornalista free-lance. Tanta passione  per la scrittura: poesia in lingua e in vernacolo romanesco, narrativa, aforismi; amore per la lettura. Organizzatrice di eventi culturali, mostre d'arte e presentazioni libri. 

21 maggio 2013 alle ore 17:48

Er Barbone

Lui ch’ha sofferto sempre er freddo, er gelo,
sotto quer ponte indove s’era messo
sotto ‘n cartone a faje su da telo
pareva lo spauracchio de se stesso…
Un povero barbone nun fa’ danno
la nebbia già l’avvorge de bambace
cià er Tevere fratello pe’ compagno
e ‘n friccico de luna je dà pace.
Trastevere già inzogna, e nun lo vede
la Secca, adacio adacio l’avvicina…
All’arba: “annamo…”disse, e lui ce agnede…
Trovarono du’ stracci la matina…
Libera ispirazione tratta da una foto della pagina fb "Trastevere"

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento