username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Poesie di Fiorella Cappelli

Visita la scheda completa e tutti gli altri testi di Fiorella Cappelli

  • 27 ottobre 2013 alle ore 17:17
    Io resto accanto a lui

    Io... resto accanto a lui,
    freddo o pioggia...
    io resto accanto a lui.
    Lui non mi abbandona mai.
    Ci attraversano
    attimi di vita insieme
    sguardi curiosi
    a volte indifferenti
    passi affrettati…
    Il suono di una monetina
    scalda lo stomaco.
    Il corpo, immobile, intirizzito
    impregnato di rassegnazione…
    Mi tende la mano…
    Gli do la zampa…
    Io… resto accanto a lui.
    Mi da’ la zampa
    la stringo nella mano…
    Io… resto accanto a lui.
     

  • 14 settembre 2013 alle ore 16:40
    Il Pianto del Mare

    Non ti libererai così facilmente di lei…
    Lei ci sarà, per generazioni e generazioni
    a ricordare la tua follia.
    Indistruttibile, seminerà terrore e morte
    si confonderà tra meduse e coralli
    mi cavalcherà in onde di plastica
    diverrà cibo avariato di una tartaruga che muore.
    Grazie al tuo vivere male globale
    stai uccidendo anche me
    oramai… mare di lacrime.

  • 09 agosto 2013 alle ore 11:34
    Batuffoli di Nuvole

    Ho imbottito il tuo cuscino
    Di batuffoli di nuvole
    Per farti sognare il cielo…
    Ho dipinto la cornice ai tuoi sogni
    con l’oro delle stelle
    per renderli più lucenti.
    Ho colmato la stanza dei tuoi desideri
    di bianca schiuma di mare
    per farvi scivolare i miei baci.
    Ho celato, dietro uno spicchio di luna
    Il mio  sottile  amore…
    Ma so che ti desterai nell’aurora
    di ogni nuovo giorno,
    al pensiero di me.
     

  • 09 agosto 2013 alle ore 11:32
    Batuffoli di Nuvole

    Ho imbottito il tuo cuscino
    Di batuffoli di nuvole
    Per farti sognare il cielo…
    Ho dipinto la cornice ai tuoi sogni
    con l’oro delle stelle
    per renderli più lucenti.
    Ho colmato la stanza dei tuoi desideri
    di bianca schiuma di mare
    per farvi scivolare i miei baci.
    Ho celato, dietro uno spicchio di luna
    Il mio  sottile  amore…
    Ma so che ti desterai nell’aurora
    di ogni nuovo giorno,
    al pensiero di me.
     

  • 24 luglio 2013 alle ore 13:58
    Sacro Monte

    Tra i nove Sacri Monti del Piemonte,
    tra i territori della Lombardia
    il Sacro Monte di Varese, sia
    quella visione che ti sta di fronte…
     
    Quel Patrimonio per l’umana fonte
    compreso dall’UNESCO, che poesia!
    Reca a Varese un tocco di magia
    nel Santuario che gli fa da ponte.
     
    Un Parco naturale e le Cappelle
    coi tanti misteri del Rosario
    antiche nicchie con le Madonnelle
     
    Santa Maria che stringe il Bambinello
    tanti pellegrini, fede e Calvario
    tra il verde ti sorride il borgo bello.
     
    Dedicata al Sacro Monte di Varese, Ispirazione tratta da una foto del luogo, eseguita a quattro mani da Giovanna De Luca e RosaC

  • 08 luglio 2013 alle ore 13:02
    Un Filo d'Erba

    Un Filo d’Erba

    Ti svegli, già bagnata
    asciughi al primo sole
    la goccia di rugiada…
    Sei un filo, tra le aiuole.

    Tra malva e margherite
    oscilli, verde e fiera
    tra primule fiorite
    in gaia primavera.

    Il vento ti accarezza,
    le corse di un bambino
    un piede che ti spezza,
    la fine in un mattino.

    Accade tutto in fretta
    la vita non conserva
    travolge e va diretta…
    anche su… un filo d’erba.

    Fiorella Cappelli ©
    Tratta da: Libera ispirazione su di un commento inerente alla poesia, di Franco Cimarelli.

  • 28 giugno 2013 alle ore 10:33
    L'Arte

    Se una tristezza, all’alma resta impressa
    per uscir fora da codesto loco…
    con un sorriso, credi, non è poco…
    raccogli la speranza, ti è concessa.

    Allontana quell’aria sottomessa
    prendi la vita sempre come un gioco
    ai dolori e tormenti dagli fuoco
    la gelosia? E’ malattia sconnessa…

    Teatrante di un teatro da inventare
    improntato tra sarcasmo ed ironia.
    La morte? Gioca un ruolo elementare…
    Primo attore, che mescola le carte.
    Vecchiaia e gioventù in sintonia…
    Gran confusione, ma chi vince è l’Arte!

    Sonetto dedicato a Pirandello e alle sue opere.

  • 21 maggio 2013 alle ore 17:48
    Er Barbone

    Lui ch’ha sofferto sempre er freddo, er gelo,
    sotto quer ponte indove s’era messo
    sotto ‘n cartone a faje su da telo
    pareva lo spauracchio de se stesso…
    Un povero barbone nun fa’ danno
    la nebbia già l’avvorge de bambace
    cià er Tevere fratello pe’ compagno
    e ‘n friccico de luna je dà pace.
    Trastevere già inzogna, e nun lo vede
    la Secca, adacio adacio l’avvicina…
    All’arba: “annamo…”disse, e lui ce agnede…
    Trovarono du’ stracci la matina…
    Libera ispirazione tratta da una foto della pagina fb "Trastevere"

  • 08 aprile 2013 alle ore 16:13
    Come 'no Sputo

    Chissà se er tempo mio, chè già vissuto
    S’annisconne felice ner tramonto?
    Er core m’arisponne : “tienne conto,
    chè ‘na giornata è come ‘no sputo,

    s’envola, e  n’amore già perduto
    nun l’ aripiji se j’hai fatto affronto.
    Tarvorta è mejo fa’ er finto tonto
    nun liticà su tutto, ‘ogni minuto.

    Er celo mo è ‘na granne pennellata
    Co’ la poesia drento a ‘ogni colore
    t’abbasta poco, strignete l’amata

    co’ tanta pace e l’anima serena
    nun ce penzà a li guai e ar dolore
    abbraccica ‘sta vita senza pena!

  • 20 marzo 2013 alle ore 21:11
    Manachino Delizioso

    Celato, la  seduce con le ali
    nell’umida foresta nebulosa
    tra fitte arboree chiome e temporali
    il canto è dedicato all’amorosa…

    A becco chiuso, tra penne speciali
    il capo rosso è un petalo di rosa…
    Soffici, gialle piume  pettorali
    con eleganza, sembra che sia in posa.

    Un suono melodioso si propaga
    nel timbro di un violino : è primavera
    la danza inizia…e sessuale appaga

    sfregando a tempo,  piume zigrinate.
    La passera, all’incanto di preghiera
    concede amore… tra le  serenate.

    Il sonetto è dedicato al Manachino Delizioso,
    un piccolo uccello presente in America centrale, che possiede la particolarità di emettere un suono, a becco chiuso sfregando le ali, simile a quello di un violino.

  • 20 marzo 2013 alle ore 10:37
    Bianca Primavera

    Tra germogli in fiore
    tenere foglie verdi
    e canto di codette
    timidamente, pigra,
    avvolta da cirri di nubi
    apre gli occhi di cielo
    Primavera…
    Il vento solleva, malizioso
    la veste ai suoi pensieri…
    L’aria si anima di candore
    che, pesantemente, tutto ricopre.
    Teneri, i ciclamini sopportano
    l’abbraccio gelido, in attesa
    di una pietosa mano
    che li sollevi
    e li porti sul cuore…

    Libera ispirazione tratta da una foto di Rosac Uno

  • 08 febbraio 2013 alle ore 18:40
    Còre Matto

    Còre, lo sento ‘sto rimbarzo ‘n petto
    come si tu volessi sortì fora
    nun me fa’ scherzi, che nun è l’ora
    nun è er momento de giocà  a dispetto

    Làssame finì qualche lavoretto
    so’ tanti li progetti che ciò ancora
    du’ belle fije da piazzà a dimora
    e, a bon bisogno, buttà giù ‘n sonetto.

    N’avemo avuti inzieme, de momenti
    lo so, ciavrò da famme perdonà
    ma io m’inzogno certi cambiamenti…

    Stamme vicino, nun m’abbandonà.
    mentr’io m’accollo  tutti li tormenti…
    Tu, a ‘la Commare dije d’aspettà.

  • 05 febbraio 2013 alle ore 16:11
    Quante Notti

    Quante notti senza abbracci
    le mie dita sulla pelle
    luna piena nei crepacci
    in un cielo senza stelle.

    Tu, vestito sol di stracci
    la mia voglia da ribelle...
    con i ghigni e i tuoi pagliacci
    tra gli amori delle ancelle.

    E ti manca il mio sorriso
    il mio lato generoso
    tu che eviti il mio viso.

    Non ti curi del mio cuore
    ora che non sei il mio sposo
    e non cerchi più il mio amore.

  • 19 gennaio 2013 alle ore 19:19
    La Ragazzina Clown

    Civettuole fattezze
    elargiti sorrisi
    combattono amarezze
    tristezze e varie crisi...
    Sgargiante nei colori
    tra raso, seta e trina
    tra riccioli, tra ori
    tu, clown ragazzina
    riporti un carnevale
    in tanti cuori sordi...
    Nel viso tuo gioviale
    quant'allegria... e ricordi.

  • 06 gennaio 2013 alle ore 11:40
    La Befana De Piazza Navona 2013

    Te ce porto, si stai bona
    a vedè quela funtana
    ce dev’esse la befana
    Propio là, a Piazza Navona.
    Quanno ariveremo in zona,
    anche si ce stà buriana
    la carzetta, la più strana
    te la fa nonna Simona.
    Cor soriso la pupetta
    dà la mano alla nonnina
    e ner mentre che cammina
    già s’inzogna la carzetta…
    -Smiccia,  quante bancarelle!
    Quanta gente! Da nun crede
    che ‘sta tutta quanta in piede
    e c’è odore de frittelle!-
    E la nonna va diretta,
    cerca er banco: “S’è spostato?
    Cià  lo zucchero filato,
    co’ li dorci e la trombetta…”
    Nun sé accorta, poveretta
    de li turchi e l’eggizziani
    tra kebab e giochi strani…
    Lì c’è un banco de porchetta!

  • 02 gennaio 2013 alle ore 17:40
    La Befana 2013

    Sulla scopa a cavacècio
    porta er sacco su le spalle
    ha le cianche messe a sbiècio
    e le guance rosse e gialle

    Come vecchia è propio strana
    ce rigala n’emozzione
    è romana ‘sta befana
    che nun pija la penzione!

    So’ tant’anni che lei vola
    co’ le toppe sur vestito
    ma st’Italia nun mijora
    e nun po’ trovà marito

    è pe’ questo che ha adottato
    tanti bravi regazzini
    lei je porta er cioccolato,
    li dorcetti nei carzini

    poi da quànno che ha saputo
    che ce so’ le innovazioni
    s’è aggiornata in un minuto
    così cià l’ordinazzioni…

    ma è da un friccico de tempo
    che a volà se trova male
    beh, lassù c’è poco campo…
    nun je pija er cellulare!

  • 28 dicembre 2012 alle ore 11:59
    Botti Di Fine Anno

    Ogni anno i tanti botti
    fan feriti, fanno morti
    è così che il vecchio anno
    se ne va, con qualche danno
    perché in mezzo a qualche tuono
    c’è chi spara, altezza d’uomo
    chi è fanatico o è pazzo
    e ti punta addosso un razzo
    chi innocente, vuol provare
    la scintilla di Natale
    ed insieme al panettone
    prende fuoco anche il tendone.
    L’anno vecchio è solo uno
    Tanti soldi vanno in fumo
    ma la bomba più potente…
    è la suocera invadente!

    © Copyright dal libro Padrone il Vento 2009

  • 28 dicembre 2012 alle ore 11:22
    Anno Vecchio 2012

    Fu anno bisesto,
    piuttosto modesto
    ma nel contesto
    il ruolo funesto
    del politico lesto
    poiché disonesto...
    produsse il dissesto.
     

  • 20 dicembre 2012 alle ore 18:51
    Er Soriso Dell'Angeli

    Soffice neve, come la bambace
    de notte, in quela grotta fredda e spoja
    c’è ‘n Bambinello ne la mangiatoja,
    Dio l’ha mannàto pe portà la pace
     
    perché er popolo no, nun è capace
    de rigà dritto e quanno che s’annoja
    co’ la follia fa’ straggi, come ‘n boja,
    toje er soriso all’angeli eppoi tace.
     
    Portàmola ner monno, la speranza,
    damo  ‘n’aiuto a chi cià tante pene
    e su la Tera pena già abbastanza.
     
    Er Santo giorno der Natale è amore
    cercamo de volesse ‘n po’ più bene
    donamola 'na 'nticchia de calore!

  • 10 dicembre 2012 alle ore 8:06
    Gioia e Dolore

    Fa freddo e non fa freddo, nel mio cuore
    E riluce, nel buio, il mio tormento.
    Del pieno e vuoto senso dell’amore
    per fedeltà e amaro tradimento…

    Ti do rispetto, in cambio ho disonore
    è silenzio, questo parlare al vento,
    tutti sapranno, ma nessun autore
    scriverà vita e morte di un lamento.

    Parole a cui ho creduto e più non credo
    Quest’anima sospesa che è caduta
    Ti cerco… più non cerco, non ti vedo.

    Ho pianto e riso, in tutta la mia vita.
    La verità? Amara  bugia astuta…
    Ti amo e odio, ora che è finita.

    (da Poesia Fast:Contraddizioni)

  • 06 dicembre 2012 alle ore 11:36
    Aspettando la Neve

    La notte regala ovattati rumori
    Luci di plastica, penzolano nel vuoto,
    vi si aggrappano i ricordi di un Natale di festa
    fatto di profumi di zenzero e cannella
    di canti gioiosi di bimbi semplici,
    raccolte armonie, letterine di porporina
    e piccole mani giunte.
    Aspettando la neve…
    ci accolga il calore  di una Famiglia,
    da ospitare nel cuore.

  • 02 dicembre 2012 alle ore 8:31
    La Lontananza

    Distanze
    avvicinano lontani affetti
    sospiri spezzano
    silenzi perfetti
    parole pacate
    ad alleviare dolori
    pensieri disegnano
    forme e colori
    restano nell'ombra intense sensazioni
    vibrano nel corpo, profonde le emozioni
    e dal letargo si sveglia il cuore
    abbandonato nel suo torpore
    e nella vana speranza di tornare ad amare...
    si clonano sogni da regalare!

  • 25 novembre 2012 alle ore 9:24
    Stupro

    Intriso straccio di paura e di vergogna
    a divulgare rabbia sei alla gogna
    ferita e calpestata l’innocenza
    feroce, inaudita la violenza.

    Sentimenti di sconfitta e d’impotenza
    squarciati cuore e mente da speranza
    e tutto questo è ancora… tolleranza?

    Si deve aver coraggio, ora, di fare
    non basta più soltanto denunciare
    la sicurezza e la giustizia son diritti
    nulla serve, vederli solo scritti.

  • 24 novembre 2012 alle ore 10:02
    L'Incontro

    Ti ho atteso...
    nell'immaginario di luce,
    vortice nell'infinito.
    Sulla strada verso l'ignoto
    ho raccolto

    l'ombra del mio cavalletto,

    vi ho dipinto
    con gli occhi dell'anima
    l'ultimo sguardo... d'insieme.

  • 20 novembre 2012 alle ore 19:39
    Ti abbraccerò nel Tempo

    Ti abbraccerò nel tempo in cui
    il bosco muterà il suo colore...
    Mi stringerai
    al tepore caldo di un camino.
    Solleveremo gli sguardi
    sull'immaginario domani,
    tra nebbie di rilievi...
    Dimenticando, noi... ci ameremo ancora.