username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Francesca Cammarota

in archivio dal 22 dic 2005

11 luglio 1978, Napoli - Italia

segni particolari:
Mano destra volubile e passionale, innamorata delle penne a inchiostro nero. Instancabile.

mi descrivo così:
Lascio agli altri la bontà di descrivermi. Io non parlo di me, scrivo di me.

16 febbraio 2006

Dolce tepore

Una voce profonda,
strofinata dal fumo,
avvolta nell’età.
Una voce che parla e fruga,
capelli e pensieri di una donna.
Come un’anima che distende le braccia...
In cerca d’ali, di slancio o di un laccio
che tenga e lo leghi in vita.
Nel dentro: Un momento…
…E’ di nuovo la fuga!
Non crede al calore perenne,
ma all’ardore che scalda
oltre le spalle e la schiena.
Oltre, ahimè, la persona è figura
e come tante si aggira
fra le celle del consueto.
Vorrebbe d’una Mantide le lenzuola bagnate
e incline al peccato si diletta al seduttore.
Vorrebbe d’una Mantide il grido, il gemito e il ti amo!
Sentirla muoversi sul palmo della mano.
Sentirne la morte, nella stretta delle dita.
Saperla vinta…a partita finita.
Per poi alzarsi danzando il suo tempo,
nuovamente sospeso sul filo del vento
Ma se quella Mantide fosse Scorpione…
"Ahi che dolore quel dolce tepore!"

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento