username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Francesca Lo Bue

in archivio dal 05 mar 2011

Lercara Friddi - Italia

24 febbraio 2017 alle ore 16:52

La parola - La Palabra

La parola

Glissi insonne, sbirciando,
Stella della sera.
Lascia che i miei capelli ambrati
s’asciughino nel tuo scarlatto solitario,
qui, nell'orizzonte millenario
del mare livido, del mare morto.
Chi adora la tua pienezza errante?
Dove nascondi i tuoi zaffiri ammiccanti?
Pazienta e aspetta il fulgore della parola:
aleggia nascosto nell’asperità rossa della sera,
del giorno unico,
dell’antico giorno nuovo.

La palabra
Resbalas insomne, acechante,
Estrella niña de la tarde.
Deja que mis cabellos de àmbar suave
Se sequen en tu escarlata solitario,
Aquì, en el horizonte milenario
del mar lìvido, del sol muerto.
¿Quièn adora tu plenitud errante?
¿Dònde escondes tus zafiros estrellados?
Pacienta y aguarda el fulgor de la palabra,
Aleteo escondido en la aspereza roja de la tarde
Del dìa ùnico,
Del antiguo dìa nuevo.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento