username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Francesca Pellegrino

in archivio dal 27 giu 2006

05 novembre 1974, Taranto

07 luglio 2006

E' una fortuna fuggire da qui

E' una fortuna che questi filari
righino dritti
fino alla fine della staccionata bianca
fino all’ultimo cancello di ferro

di ferro come le lingue arrotate
di ferro come le grate di un glicine
che sputa ombre per terra

è una fortuna
fuggire da qui

con la scusa sempre buona
della prima goccia di pioggia
(o di terra?)
che si fionda giù
a pesomorto
sempre e soltanto a guastare la festa

(anche se non è di certo una festa, questa..)

e quella donna, invece,
quella donna è rimasta

è rimasta a contare
tubi rotti
e gocce di novalgina
dal beccuccio otturato
nelle tempie della casa rotta
della cosa rotta
e diceva:

- è rotta la casa! –

con la lingua che scandagliava sillabe
dove nulla è rimasto
oltre la riga dritta dei capelli
a squarcio di pettine

e i denti tutti per terra.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento