username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Francesco Foresta

in archivio dal 29 dic 2005

09 ottobre 1977, Nola

mi descrivo così:
Non posso descrivermi... non sarei obiettivo... lascio ad altri questo compito.

27 gennaio 2006

Malibu'

Provavo qualcosa di forte,dentro.

Le mie emozioni come uova strapazzate

Premevano nel mio stomaco

E salivano fin su nella gola.

E li si stringevano

E mi facevano male da morire.

Inghiottivo il nulla sotto forma di saliva

Ma non serviva a niente.

La bocca mi si chiudeva facendosi piccola piccola

Le orecchie sembravano otturarsi

Attraversate da un sibilo

Gli occhi si stringevano fino a chiudersi

Ed usciva una lacrima

Che seguendo la strada del mio naso

Arrivava sulla punta

E cadeva.

E poi un’altra

E un’altra ancora.

Piangevo.

Cosi,all’improvviso.

Stavo male senza alcun motivo.

O forse ce l’avevo e non me ne rendevo conto.

Piangevo.

In una notte di marzo

Mentre la primavera tardava a venire.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento