username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Francesco Giuliano

in archivio dal 13 set 2011

Idria - Italia

segni particolari:
Barba bianca e capelli radi. Scrivo e pubblico articoli di Didattica della chimica in "CnS" (SCI) e in "Scienze & Ricerche" (AIL), in www.latinainvetrina.it, in www.buongiornolatina.it e in http://educa.univpm.it. Aborro la separazione della cultura umana, che è una e una sola.

mi descrivo così:
I romanzi:I sassi di Kasmenai,Il foglio;Come fumo nell'aria, Prospett.Ed.;Il cercatore di tramonti, Il foglio; L'intrepido alchimista,SensoInversoEd.; Sulle ali dell'immaginazione,Aracne. Le poesie: M'accorsi d'amarti;Quando bellezza m'appare;Ragione e sentimento;Voglio lasciare traccia,Libr.Ed.Urso

08 ottobre 2012 alle ore 9:45

La donna cos'è?

La donna cos’è,
dimmi cos’è?
È fragranza,
è bellezza,
è sapore,
è musica
è amore,
è generosità,
è  una gran signora!
Ma tu, o uomo,
uomo empio,
cinico,
malvagio,
crudele,
sacrilego sei di questo gran bene
che la natura ti donò.
La offendi
la calpesti,
la picchi,
la disprezzi,
la disonori,
la umili,
la uccidi,
perché non odori la sua fragranza,
perché non godi della sua bellezza,
perché non sguazzi nella sua dolcezza,
perché non gusti il suo sapore
perché non ascolti la sua musica,
perché non apprezzi la sua generosità,
perché non cogli il suo …
infinito amore.
O uomo, forse ti vendichi
del peccato originale che patisti?
Ti indusse a farti cogliere dall’albero della conoscenza
quel funesto frutto negato
che ti rovinò in eterno?
Ma tu l’ascoltasti!
Tu la seguisti!
Tu condividesti quell’atto umano
inviso al divino!
Per questo sei correo!
Millenni ormai son passati
e il tuo rancore nell’oblio affonda.
Elimina la tua rabbia, o uomo,
definitivamente
dal tuo cuore.
La donna
è come un fiore, o uomo,
se la maltratti muore.

Commenti
  • Rebecca Esposito bellissima...

    17 ottobre 2012 alle ore 9:55


  • Francesco Giuliano Grazie, Rebecca. Se chi ha digitato MI piace, avesse scritto anche una parola, come hai fatto tu, avrebbe dato un senso più profondo al commento! Grazie ancora!

    18 ottobre 2012 alle ore 10:52


Accedi o registrati per lasciare un commento