username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Franco Battiato

in archivio dal 05 feb 2007

23 marzo 1945, Jonia (oggi Riposto) (CT)

segni particolari:
Nel 1967, fui notato da Giorgio Gaber che mi procurò un contratto con la "Jolly".

mi descrivo così:
Sono un cantautore, musicista, regista e pittore italiano. Personalità tra le più eclettiche e originali espresse nel panorama italiano negli ultimi decenni, ho attraversato molteplici stili musicali: gli inizi romantici, la musica sperimentale, l'avanguardia colta, l'opera lirica, la musica etnica,

30 luglio 2012 alle ore 8:48

Auguri don Gesualdo

di Franco Battiato

editore: Bompiani

pagine: 124

prezzo: 17,00 €

Acquista `Auguri don Gesualdo`!Acquista!

Franco Battiato celebre cantautore, musicista, regista e pittore siciliano sorprende con il suo documentario dedicato al grande scrittore conterraneo Gesualdo Bufalino nato a Comiso (Ragusa) e scomparso nel '96.
Lo scrittore descritto è molto ricordato per il suo romanzo Diceria dell'untore - premio Campiello.
Il libro, Auguri Don Gesualdo, edito da Bompiani è un docu-film, caratterizzato da un filo narrativo che si svolge tra le magnifiche riprese inedite nei luoghi dove ha vissuto Bufalino (la piazza di Comiso, in provincia di Ragusa, il cortile della Fondazione intitolata allo scrittore, i simulacri della morte, le chiese stile barocco). Rarissimi materiali di repertorio dello scrittore, in esclusiva forniti da Rai Teche, il paesaggio ibleo rappresentato dal pittore modicano Piero Guccione, la voce calda dell'attore Giulio Brogi, la toccante e mistica melanconia delle musiche di Arvo Part, Ravel, Hendel, le pregiate testimonianze di chi lo ha conosciuto: Elisabetta Sgarbi, Manlio Sgalambro (autore della scenaggiatura), Matteo Collura, Ella Imbalzano, Sebastiano Gesù, Giovanni Iemulo, Nunzio Zago, Antonio Di Grado, Mario Andreose e Angelo Sgandurra. Testimonianze che raccontano l’amicizia con Leonardo Sciascia, personalità totalmente diverse: una scrittura barocca quella di Bufalino come vari e ricchi i gusti alimentari di Sciascia, essenziale il linguaggio di Sciascia come le abitudini alimentari di Bufalino, che afferma appunto “Io mangio come Sciascia scrive e Sciascia scrive come io mangio”. Battiato ricorda lo scrittore amico in dimensioni complesse, alternando echi e sapori speziati da battiti aritmici del cuore. Bufalino che si racconta nel docu-film non si reputa un portavoce della società, al contrario del collega Sciascia. La figura dell’autore comisano viene descritta come un vero maestro di vita, che impartisce una lezione che si colloca più in profondità rispetto ad altri scrittori, è una lezione di stile, ma soprattutto di moralità e di umanità. Bufalino aveva a cuore i giovani, lui stesso era stato insegnante liceale, li invitava spesso alla lettura, come nutrimento dell'anima.

recensione di Enza Iozzia

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento