username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Gianfranco Pacco

in archivio dal 22 set 2009

04 ottobre 1963, Trieste - Italia

segni particolari:
Peter Pan dai canestri alla montagna, passando per il palco e la scrittura.

mi descrivo così:
Geometra... a canestro su un palco... sempre a zogar come i fioi su una nuvola... scriver de tuto come in una favola...

22 giugno 2011 alle ore 21:38

Fiaba

Zavatando su pe’l monte

son finido fra le sconte

e ghe iera un panorama

no so come che’l se ciama

Dentro el bosco

schivo i ragi

de ‘sto sol

che ‘ssai me abaglia

vedo in fondo una caseta

ma la strada se fa streta

Lasso orme sula neve

coi scarponi po’ sprofondo

manca solo Biancaneve

che me giri tuto i tondo

Rivo a bater sula prota

e se senti confusion

mi sbadiglio che go sono

riva verzerme un barbon

“Prego vien a riscaldarte

chi te son? no te conosso

un bel piato de minestra

go de ofrirte

altro no posso”

El veceto che me conta

tante storie de montagna

e ‘sto piato ‘ncora caldo

qua con mi el se lo magna

“Me son perso

dove son….?”

“Ti no sta preocuparte

sera i oci e in canton

prova pian a indormenzarte….”

Dito fato me distiro

e me rodolo pe’l leto

fin che casco zo’ per tera

sveio tuti tropo gheto

Iero fiol mi quela volta

casa mia che me sognavo

una fiaba nela note

de Nadal mi me vedevo

Coro e vardo in finestra

tante luci e qualche fioco

e la zo’ su una panchina

el veceto barba bianca

Lu’ saluda e no i lo vedi

meto subito le braghe

no lo varda più nissun

coro in strada per vederlo

che lo abraci almeno un

El xe za’ svolado via

sule zime de quei monti

de quel giorno questa fiaba

ghe go dito proprio a tanti

perché el vecio co la barba

se no go sognado mal

iera lù Babo Nadal….

 

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento