username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Gianfranco Pacco

in archivio dal 22 set 2009

04 ottobre 1963, Trieste - Italia

segni particolari:
Peter Pan dai canestri alla montagna, passando per il palco e la scrittura.

mi descrivo così:
Geometra... a canestro su un palco... sempre a zogar come i fioi su una nuvola... scriver de tuto come in una favola...

16 novembre 2009

Grazie Gravo

Parto in bici per ndar
Un poco de aria a respirar
Verso pineta per la spiaggia
Xe un ventisel che alza la sabia


Rivo veder l’isoleta
Senza più vegetazion
Forsi qualche maregiata
Tuto ga portado via
Desso solo ghe vol veder
Quando vien bassa marea


Torno indrio lungo la pista
E rivado la del bosco
Giro dentro in un posto
Dove xe tante case nove
Giro e xe tutto tranquilo
fino dentro ala laguna
li sul sfondo xe Barbana


verso el zentro mi pedalo
quante barche in porticiolo
tanta zente che camina
molo un atimo i pedai
e me buto tra la fola
xe locai e ristoranti
e xe anca chi che bala


voio veder zita vecia
e alora torno in sela
oramai son la tacado
prima roba eco el Duomo
entro dentro incuriosido
tanti xe i resti antichi
po me sposto sula diga
e avanti rivo anche
proprio la del porto vecio
tra le barche e i pescadori
xe tantissimi colori


e i profumi de sto mar
che de ani sento sempre
e sempre sa emozionar


sula via del ritorno
preferiso far la spiagia
e fermarme un momentin
a vardar l’orizonte
che in sti posti qua de Gravo
tanti ani son vignudo
voio esser ‘ssai sincero
no me son ncora stufado

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento