username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Gianfranco Pacco

in archivio dal 22 set 2009

04 ottobre 1963, Trieste - Italia

segni particolari:
Peter Pan dai canestri alla montagna, passando per il palco e la scrittura.

mi descrivo così:
Geometra... a canestro su un palco... sempre a zogar come i fioi su una nuvola... scriver de tuto come in una favola...

23 ottobre 2009

Sognando

Una roba strana xe
de note la te ciapa
e te diventi un re


La regina te pol zercarte
o dala zima del’Everest tufarte


‘ndar pel mondo in alegria
ciapar el svolo
sule ali dela tua fantasia


Meo saria no far tanta confusion
meo saria sognarse
soto l’ombrelon


Qualche incubo pol farte sudar
e lora meo sveiarse
e in un altro sogno ‘ndar


ma spesso xe robe bele
xe mondi incantadi
dove se zoga balon co le stele


xe tute le strade colorade
le machine svola
tute senza riode


xe el mar talmente neto
che te lo pol bever
xe tuti i gusti
come el gelato


se pol far tuti una nudada
e dopo ogni braciada
un sluk de mar
al gusto de limonada


nel ziel, sule nuvole
te incontri tanti amici
te incontri anche chi no xe più
te saludi papà e mama
che passa co la bici


el sol se scambia co la luna
el giorno diventa note
tornemo fioi
in tuto el mondo
xe solo un grande girotondo


senza i sogni saria più dura
co’ i sogni la vita
par un’aventura
e se ghe credemo,
i se avera


cosa te se ga insognà?
no te rivi ricordar?
alora saria bel, co te se svei
in leto tornar, strucar un boton
e vardar el replay


opur sul più bel
che sta per suceder una roba bela
riva darte una scassada
quela cocola de tu sorella


ciapemo el telecomando
ma solo per cambiar canal
no, no per tirarghelo drio
voio veder come finissi
el sogno mio


Tante volte però
el sogno xe movimentado
e se te caschi del leto…
vol dir... che no te ga digerido!

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento