username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Gianfranco Pacco

in archivio dal 22 set 2009

04 ottobre 1963, Trieste - Italia

segni particolari:
Peter Pan dai canestri alla montagna, passando per il palco e la scrittura.

mi descrivo così:
Geometra... a canestro su un palco... sempre a zogar come i fioi su una nuvola... scriver de tuto come in una favola...

29 febbraio 2012 alle ore 17:22

Sportivamente

Omini e colori
Che cori in braghete
Babe lucicanti
Ghe salta le tete

Meo zogar tenis
Co la racheta
La bala che cori
Sicuro no speta

E dopo in spiaggia
El mega torneo
Se forsi zoghemo
Anderà meo

La re de xe alta
Che vada in malora
E la caviglia
Me fazo fora

No semo campioni
Stemo più atenti
Chef ra i canestri perdemo do denti

Mia moglie la disi
Che son incosciente
I tui avversari
Xe mularia
Che ga ‘ssai rispeto
Ma se i poderia
Sa che gomitate
Che i te ficheria

I fioi più pici
Che stava vardando
Siccome i veceti
Stava perdendo
I se ga alzado
Incontro vignindo
E tuti zigando
I ne ga dito
Andè zogar carte
Che almeno per quel
Se zoga ogni parte
E i più veci
I pol bndar vanti
Anche un doman co i ani xe tanti

In sela ala bici
El vizzin de casa
Tapado a fogo
Perl ui xe un zogo
Ma quei che lo vedi
Co’l parti ingalado
Ghe salta l’ocio
Che’l xe ‘ssai colorado

E po’ no se sa
Quanta strada che’l fa
Magari pian pian
E de scondon
El torna indio
Dopo el primo cantron

Co’ i ocialini
Sul brazo inganzadi
In piena estate
Li vedemo smoiadi

I costumi più strani
Vedemo sfilar
Che co i se buta
I ghe sta per cascar

Vien fredo e neve
Ma i psortivi no mola
Cussì in montagna
I fa sbrissar la siola
Vche se xe quele del sci
Va anca ben
Ma se xe dele scarpe
No so chi li tien
De una culatada
A peso morto
Che bota che mal
No me son gnanca corto

Scolteme però
Xe tuti più tranqyuili
Zogar a fremete
Opur coi birili

Perché anca col sci
Se te va far fondo
Dopo qualche chilometro
Te diventi biondo
Te se anemia la vista
E sen o te me credi
Anche la madona
A volte te vedi

Perché son mi el primo
Lingua fin per tera
Risolvo el problema
con bela maniera

son ndà in zità
gò comprà unab grandina
estate in spiaggia
d’inverno in cusina

fazo ginastica
adominali
e la tartaruga
me xe vignuda
solo pecà
che la xe girada

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento