username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Gino Ragusa Di Romano

in archivio dal 08 dic 2005

26 giugno 1943, Pietraperzia - Italia

segni particolari:
Uguagliarsi (Luigi Ragusa) i miei genitori mi diedero un nome e, come d'uso, anche un cognome. Li anagrammai e ne fui tanto fiero, essendo il termine più giusto e vero. Il mio comportamento mirò al verbo: elargii sempre amore, senza riserbo.
Nota autobiografica al mio libro "LACRIME E SORRISI"

mi descrivo così:
Il contenuto dei miei libri descrive il mio pensiero. Della mia fatica cogli, se gradita, la sostanza. Se vuoi leggere altro, visita anche il sito. 

06 maggio 2013 alle ore 15:21

L'ALBERELLO

L’alberello

Un alberello, misto ad altri fiori,
spuntò tra i vasi del suo verone.
Una donna bella di viso e di cuore
innaffiava il suo giardino con amore
ed esso le donava spesso l’emozione,
che danno i profumi e i bei colori.

La solinga donna era mia mamma,
che nei dì di mia quiete vesperale
incontravo nella sua dimora antica.
Fu sempre solidale come una formica,
visse santamente, pur se fu mortale,
ricordando della croce il dramma.

Con ella piacevolmente dissertavo,
rimembrando mio padre e la “pipina”,
per la quale il bene fu la sua dottrina ,
ch’io facevo mia quando l’ascoltavo;
per quel che m’insegnò e che mi disse
“la pipina” fu terrena sol perché visse.

L’alberello, che io prima mentovai,
è un nespolo, che divenuto adulto,
dello stesso mia madre attese il frutto,
ma non ebbe sorte e per me fur lai.
Morì!
La sua casa dei ricordi fu venduta
e gli oggetti ebbero altra dimora,
ma il nespolo a “Mattè” trovò il sito.
La pianta con tanto zelo fu cresciuta,
io ne ho premura ancor tuttora
ed essa produce il frutto saporito.

Sfiorando le sue foglie, io m’illudo
di sentire viva la mia dolce mamma
e teneramente di carezzarla ancora.
La sua effigie nel mio cuor racchiudo,
la mia mente al suo pensier s’infiamma
ed io la vedo, mista alla sua flora.

La poesia è tratta dal mio libro "LACRIME E SORRISI"
Pellegrini Edirore - Cosenza 2014

La “pipina” fu mia zia Marietta, sorella di mia madre, Giuseppina Di Romano. Mattè è la contrada Portella di Matteo in agro di Pietraperzia, dove avevamo la nostra campagna.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento