username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Poesie di Giorgio Genetelli

Visita la scheda completa e tutti gli altri testi di Giorgio Genetelli

  • 16 febbraio 2011 alle ore 18:23
    Sentéi (Sentiero)

    S'a voresom a naresom
    né sou né acqua né vénn
    i podreéss sacatèe l'us
    A saresom daléisc
    con l'aria in di loch
    la rosada in di péi e la viti in do sach

    A voresom nèe ma a semm resctéi
    come canicc la nécc da Danedèe
    con la néu sol piodéi
    E la minésctre da poi
    ch'la scto gnann più
    Col sentéi ca sa scmorso
    in fonn al valécc

    Se volessimo andremmo
    né sole né acqua né vento
    potrebbero scrollare l'uscio
    Saremmo lontani
    con l'aria nei capelli
    la rugiada nei piedi
    e la vita nello zaino

    Volevamo andare ma siamo rimasti
    come bambini la notte di Natale
    con la neve sul tetto
    E la minestra di fagioli
    che non scotta nemmeno più
    Col sentiero che si spegne
    in fondo al burrone

  • 16 febbraio 2011 alle ore 15:51
    Frecc (Freddo)

    Dasédass e videi che l'é nècc
    i'onscéi da cantèe i é mai strach
    i canicc i é indinsegn in do lécc
    e da vìu t'en g'ha pien i pirach
    el da nèe propi in mézz a scto frécc
    a laurèe o a crapèe
    con el chér in dom sach

    Svegliarsi e vedere ch'è notte
    gli uccelli di cantare non son mai stanchi
    i bambini sognano a letto
    e di vivere ne hai piene le tasche
    devo proprio andare in mezzo a questo freddo
    a lavorare o a crepare con il cuore nel sacco 

  • 16 febbraio 2011 alle ore 15:49
    Foglia

    galleggia e piega
    diradata compagna
    e si fa terra

  • 16 febbraio 2011 alle ore 14:17
    La casa* (La cassa)

    La casa

    Apréu a l'us da Cà dal Géni
    ai dui taurìt da tòlo roso
    el Vezio, el Silio e la zia Eni
    i varda el ciél con na gran coso
    el bian di nugri u vara vii
    el blò c'u ruu a scpachèe tut
    la luus la copo tucc i sctrii
    fin can ch'el dì u divénte mut
    la nébie sciasa
    la féje pasa
    e in fonn
    la casa

    La cassa
    Vicino all'uscio di Cà dal Geni
    ai due tavolini di latta rossa
    il Vezio, il Silio e la zia Anna
    guardano accorati il cielo
    il bianco delle nuvole vola via
    l'azzurro che arriva a spaccar tutto
    la luce ammazza tutte le streghe
    finché il giorno diventa muto
    la nebbia fitta
    il fogliame appassito
    e in fondo
    la cassa

    *La lingua usata è il dialetto di Preonzo, paese della Svizzera di lingua italiana