username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Giovanni De Simone

in archivio dal 13 mag 2012

06 giugno 1942, Roccarainola (NA) - Italia

segni particolari:
Nessuno

mi descrivo così:
“Io sono quello che sono, non quello che tu vuoi che io sia, e basta”  Ho insegnato Educazione Fisica in quasi tutte le scuole medie della Valtellina. I miei amori sono le "3P". Poesia, Prosa, Pittura. Ho pubblicato 6 libri di poesie e 1 di racconti. Arte: diverse mostre  in italiia e all'estero

18 marzo 2014 alle ore 16:17

Fermata Fortuna

Il racconto

Fermata Fortuna. Facoltativa. Aspetta, dimentico del tempo. Fra le labbra spente, un nome, una storia sbiadita… Non si fa vedere. Solo il dolore sale dalla porta anteriore aperta come periscopio. La solita smorfia gli s’incolla sul viso.
La rosa rossa profumerà, come le altre, la bocca del piccolo cimitero dei rifiuti dietro l’hopital che avvolge, ormai, il suo cordone ombelicale e bagna la sua retina di nervi disseccata dall’angoscia. Il giorno chiude e riapre, sempre uguale.
La notte si nutre di disperazione, aggrotta arrabbiata le sopracciglia raggrinzite e disdegna la misericordia della blanda luna. Sulla riva del sogno non è bene accolto nemmeno il sorriso.
Frana il silenzio. Nel microcosmo dell’ultima goccia estremi pensieri in vitro si ingarbugliano nella spirale del vuoto dove il sentimento della speranza
(forte da sentire), soavemente leggero, si accomuna col sospeso stupore per la vita. Dietro lo specchio insetti iniqui tendono agguati passionali in un fondo senza appigli. Federico ci cade con pesante passione. La corda di sangue che aveva legato al chiodo rovente dell’amore, si è bruciata e la comprensione ghiaccia gradualmente sotto la cenere sepolcrale dell’addio.
Nella mestizia dei giorni la fermata Fortuna è diventata obbligatoria nonostante egli
vede,anche di giorno, ciò che in sogno ha paura di vedere. Con mani scorticate continua ad impastare residui di felicità che ha conosciuto quando lei, metropolitana abitudinaria, salì, per la prima volta, sul vecchio tramvai alla fermata…
La storia che il tempo scrisse con il sole, l’acqua e il vento, sono la fotocopia di tante altre.
Di tutti i colori rimasti solo il verde non è sbiadito.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento