username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Poesie di Giovanni Salvatore Paddeu

Visita la scheda completa e tutti gli altri testi di Giovanni Salvatore Paddeu

  • Dopo chi valat su sole sas arbules nighedas
    s'accattan in bona cumpanzia
    chin s'iscuricore.
    Sa luche arta de sa tzittade las colorat
    comente una caratza 'e biudas dae meda.
    Sos ulimos 'e di s'iscoricosu si cossolan
    chin sos canes 'e su de notte,baulande,
    chin su grodde in chirca 'e verveche,
    sos chercos 'e su vergiu morin a ziccu a ziccu.
    Est s'iscuriore bandidu echene luna in su chelu,
    sas animas sunu cuvadas time time,
    sas nues picchidas la fachet de mere.
    Su mare est nighedu e male presu,
    sas barcas paren vestires vezzos de su vresu,
    imboladas in s'arena zarrosa.
    In foras è caientu comente sa braja in su brajeri,
    sa temporada est in arribu, muda e traitora.
    Notte lezza pro sos bonos sentimentos
    notte pro zente mala, pro mortorgios a ziru,
    sparos e bombas a s'assamudada.
    E nois,animas in pena, nos tenimos astrintos
    e abbrazzaos in s'assamuda e pessamu a
    su manzanu e a sa noa die...

  • Arbules nighedas in su caminu
    comente su coro de ambos,
    arbules chi sun pranghende
    s'umidacu 'e sa tzivilatade
    chin mossos de verru tostu
    comente su coro issoro.
    Ulimos e istiarjos accurzu,
    pranghende a su traghinu
    a supra 'e su mastruzzu
    e sa matha 'e ciusa chin
    sa puppusa in fiore.
    Chercos in frore pranghende
    dae sa sufferenza de sa rucca
    maniccantina e suzzadora,
    perdent sa vozza caduca.
    Su virde 'e sa campagna
    est unu ammisciu de milli colores.
    Su virde de sa murta ammorat
    chin su companzu 'e sa chessa,
    su virde de su viore pudesciu
    vachet cumpanzia a su mudecru.
    Paret su virde de sos ocros tuos,
    su chelu est su propriu,
    su vrade de cussos ocros
    e vinzas su chelu est de cussos colores.
    Su caminu est nighedu che su coro nostru
    e che sas arbules li vachene cumpanzia
    che a un'interru de sa vida.
    Sa punta 'e sa turre de su cumbentu 'e
    sa tzittade est luchente che su sole,
    nues nighedas sun vughinde dae sa vorza
    de sa natura scoppiande.
    Proite non t'apperis su coro a custa vesta
    de sos milles colores de custa terra?
    Poite non dassas prangher sos ulimos
    e sos irtiarvos in su mastruzzu accurzu
    'e su traghinu chin s'abba luchente?
    Tanca cussos ocros e ismenticca su nighedu
    de sas arbules offesas dae sa malazente,
    apperidi a su bellu 'e su chelu e a sos
    mille colores 'e sa matha 'e ciusa ,
    de sa puppusa e sa viola e su campu.
    Pessa chi semus pro arribare a sa domo
    'e su mare celeste comente su chelu,
    a s'arena bianca de cussa cuviletta
    inghiarada dae sas tuppas 'e ghineparu,
    e dae sas rundines in su volu pro di dare
    su saludu,cumpanza mea 'e su coro.
    Dassamunos isseccus sos montes artos
    che sos ulimos de su traghinu,
    montes artos 'e e bellos che a tie,
    e chin sos colores 'e su mare
    e de sa predera 'e coccorroci.
    E nos amus a piccare chin amore...

  • E' una notte magica come le stelle splendenti
    nel cielo e posso scrivere i più versi felici
    senza oppressione:
    scrivere che la notte è splendente come
    la luna piena e il mare ne rispecchia
    il suo profilo con il dolce rumorio delle onde.
    Confesso che ti amo tanto stanotte,
    ti amo più di come ti ho amata, ti amo
    sempre più forte,
    come le rose si amano per il loro colore,
    per il verde e bleu dei tuoi occhi splendenti,
    per l'aroma dei rampicanti in fiore amano
    le rose inebrianti.
    In notti come queste,vorrei stringerti forte,
    baciarti tante volte sotto il cielo infinito.
    Come non amare i tuoi grandi occhi verdi
    come il mare, blu come le onde lontane,
    io ti amo perché so che mi vuoi tanto.
    Sentire l'immensità della notte magica,
    la notte immensa con te al mio fianco
    e il verso scende dentro l'anima come la
    luce della luna scende sul mare e sul prato.
    La notte è stellata e tu sei con me,
    mano alla mano,
    poco importa alla magica notte dei grilli
    e i cuculi canterini accompagnano il
    nostro tete a tete
    in quel mare da sballo,
    in quella sabbia lucente e invitante,
    ammaliante come le stelle
    e sulla sabbia ti amo ancora di più
    di come ti ho amata, dolce creatura
    con gli occhi verdi smeraldi.
    Questo è tutto. Lontano, qualcuno canta,
    lontano qualcuno suona la nostra canzone,
    s'ode l'arpeggìo di una chitarra
    e le note de "creuza de mar".
    Sento, in questa notte da fiaba
    nel mio cuore che batte forte
    di amarti per sempre,dolce compagna
    con gli occhioni verdi e blu come il mare...

  • Muore lentamente chi evita una passione,
    chi non si lascia trasportare dai sensi,
    chi mette i puntini sulla "I" e preferisce
    il nero sul bianco,
    piuttosto che allo tsunami delle emozioni,
    quelle che fanno scendere le lacrime,
    proprio quelle che fan brillare gli occhi,
    quelle che fanno battere il cuore
    davanti all'errore e ai sentimenti.
    Muore chi non rischia la certezza
    per l'incerto pur di inseguire un sogno,
    chi non si permette, almeno una volta,
    di fuggire dal suo tran tran.
    Muore lentamente chi non legge, chi non viaggia,
    chi non ascolta la musica,
    chi non si mette in gioco.
    Muore lentamente chi distrugge un amore,
    chi non si lascia aiutare.
    Muore chi si passa i giorni a lamentarsi,
    della propria sfortuna
    o della burrasca del mare,
    chi abbandona un progetto prima del tempo,
    chi non fa domande sugli argomenti
    che non conosce.
    Evitiamo la morte a piccole dosi,
    ricordando sempre che l'essere vivi
    richiede uno sforzo maggiore
    del semplice fatto di respirare.
    Soltanto l'ardente pazienza,
    ci condurrà a raggiungere
    una splendida felicità
    dolce ragazza dagli occhi azzurri,
    io tuo compagno di vita
    con gli occhi neroscuri ,
    nella nostra casetta del monte
    con il colore dei nostri occhi e
    il verde del mare
    in lontananza...

  • Basta il tuo sguardo per il mio cuore,
    per il tuo basta il mio sguardo,
    per la tua tristezza basta un mio bacio,
    per la tua libertà bastano le mie ali,
    per il mio cuore basta il tuo amore.
    Il mio pensiero è in te ogni giorno,
    giungi come l'acqua della sorgente,
    come la rugiada sulle foglie.
    La tua assenza è come un oceano
    senza orizzonte,un mare mosso
    sempre in fuga come le sue onde.
    Soffiava il maestrale irruento,
    cantavi quelle canzoni con la chitarra
    nel vento che muove le piante,
    gli alberi alti scossi dal vento,
    e tu sei alta e taciturna
    come gli alberi della pineta.
    E come quel vento porta la tristezza,
    tu la trascini, come un lungo viaggio.
    Mi accogli nella tua casa nella scogliera
    come una vecchia strada.
    Rimbombano nella sala le melodie
    della nostra canzone che rievoca
    echi e voci di nostalgia.
    Ti ho sommerso di baci e di carezze,
    fuggono via le amarezze spazzate
    dal vento,migrano e fuggono gli
    spiriti dormienti nella tua anima.
    Com' era bella quella sera...

  • Dopo l'autunno, vola planando via
    anche il freddo inverno,
    col chiodo fisso nella mia mente
    di quelle foglie secche dei tuoi
    rimpianti, del ghiaccio nero
    delle pene tremende che
    martellano il tuo cuore di ragazza
    triste e lontana dal sole della gioia.
    Nei tuoi occhi lottano i fuochi delle
    incertezze, dei bocconi amari,
    le foglie secche cadono e volano
    nelle foreste come il palpitare
    delle tue ansie.
    Ma perché non ti liberi dalle catene
    del disprezzo come quelle foglie
    che svolazzano e si librano nel cielo?
    Perché lasci cadere le foglie grigie
    nella tua anima?
    Stringimi alle braccia fanciulla,
    tieniti stretta come un rampicante,
    alza il tuo sguardo verso il blu del
    cielo di quei monti da dove si scorge
    il blu del mare e l'azzurro dei tuoi occhi
    sfuggenti e innamorati.
    Fai della mia anima il tuo dolce giaciglio,
    lascia che il fuoco dell'amore penetri
    con tutta la forza della mia passione,
    ragazza dei dispiaceri e pensieri foschi!
    Sento viaggiare i tuoi occhi distanti,
    le foglie scappano lontano verso i monti,
    senti il frugolio degli animaletti
    e il concerto delle rondini in volo
    in cerca del loro nido d'amore?
    Tieniti stretta forte dolce fanciulla,
    scrollati il peso delle foglie dell'autunno,
    scaccia la fosca immagine delle terre
    brulle e riarse dell'inverno dal tuo
    cuore di giovane donna!
    Lascia che i miei baci cadano sulle
    tue labbra come la brace ardente,
    pensa al mare che ti aspetta.
    Foglie secche di autunno lontane,
    come un fiume in secca, come
    la tristezza che con la brace ardente
    delle carezze,
    scaccerò via da queste terre, sarai
    con me nel mare blu come le foglie
    del sole in questa sabbia.

  • Linee rosse e luci soffuse
    nell'angolo della città triste,
    gatti neri e soriani
    miagolanti,
    donne tristi in attesa,
    donne deluse, martoriate,
    sole nella notte dei gatti
    affamati,di lupi bramosi
    di quelle scarne carni di
    povere donne
    sole come le vite spezzate,
    sole con i lupi bramosi,
    città triste, luci soffuse,
    uomini sbronzi, uomini stolti,
    vite spezzate.
    Ma questa è la vita?
    Vita,vita,dove sei nata?
    Sei nata nella città triste
    e crudele come i lupi
    bramosi di carne?
    Tu non sei la vita,
    sei il demone della mia
    esistenza amara e cruda
    come le buccie lasciate
    dai gatti miagolanti!
    Tu non sei la vita,
    sei la morte
    con l'avatar della vita.
    Vattene vita lontano,
    scappa dietro ai lupi mannari,
    torna ai meandri delle fogne
    da dove sono sbucati!
    Lasciami morire in pace,
    vita falsa, vita crudele,
    morte dolce e amica,
    portami via dalla città triste...

    Dedicata alle povere donne sfruttate

  • Cala la nebbia nell'umida notte,
    cala a fette e a spicchi
    e si confonde con la marea
    e le onde agitate
    nelle banchine del porto.
    Si sentono le sirene in lontananza,
    la luce delle insegne
    penetra soffusa nei nostri volti
    assenti e stanchi di quel lento
    peregrinare
    come in attesa di un segnale
    che ci conceda la tregua,
    che penetri nei nostri cuori
    offesi e risentiti.
    La nave lenta parte e segnala,
    rumori ed echi di boe,
    motori lontani nel nostro viale,
    palazzi gialli e verdi in fila
    come filari e le luci della nave
    lontana da serpentara,
    aerei in volo come la nave,
    nave lontana e aerei in discesa
    verso il mare della città
    mentre la nebbia dirada,
    torna il sole nella città bella,
    e nei nostri cuori affamati
    di felicità perduta nella città
    dolce, città lontana, città magica,
    tanti amori, sole nei nostri cuori
    e l'alba della nostra vita, a Ccc...

  • E' l'inverno sull'isola,
    il freddo rapisce le storie di sole.
    Le donne sono tristi,cenerentolina.
    Le nuove sementi attechiscono nei campi,
    ma le vecchie querce,
    dominatrici dei pascoli,
    piantate di là da tempo immemore,
    non vogliono dividerli
    e non scostano i loro rami per
    lasciar passare il sole.
    I semi germogliano ugualmente,
    aiutati dall'acqua e dai raggi di sole
    che riescono a farsi strada comunque
    attraverso i folti rami.
    Minuscoli, pazienti, i semi attendono
    che i loro frutti prendano la loro forma.
    La terra è grande;
    il loro sogno è di poterla abitare e la sera,
    stanchi, di essere protetti dagli alberi.
    Non succede.
    Alcuni semi, trasformati in piante da frutto,
    si sviluppano tanto in altezza che,
    incurvandosi,
    costretti a divenire cespugli ingarbugliati,
    e non slanciati rampicanti.
    Le querce, ritte e nerborute,
    non hanno la generosità di ospitarli.
    Stanno a guardarli, un pò intimorite,
    indecise perché li vedono crescere da soli,
    selvaggi, fitti, forti, verdi di giorni e rossi di sera.
    Nessuno si prende cura di loro.
    Come i nostri cuori allo sbando,
    Le querce non ci vogliono,
    siamo foschi di giorno e cupi di sera,
    togliamo loro il sole come dal nostro
    finito amore all'imbrunire...

  • Le onde del mare di goloritzé,
    all'alba,
    si trasformano in schiume
    di tutte le onde,
    in onde di tutti i mari.
    Laura non l'avrebbe mai scoperto,
    se, come dice una canzone,
    la notte non si fosse distratta,
    e la scogliera e la ninfa e polena,
    ebbre di esaltazione,
    senza riuscire ad attenuare
    l'attrazione fatale
    delle onde del mare.
    I grilli cantano di notte,
    il lentischio emana
    il profumo inebriante,
    i verdi mirti tubano
    e accarezzano
    le foglie bramose con
    il canto dei grilli.
    Ora non cantano nella
    mattina fredda come
    i nostri cuori gelati,
    le nostre labbra
    si sono contratte
    come per scacciare
    i brutti ricordi.
    Gli occhi di Laura sono sfuggenti,
    la voce di una donna
    che arriva molto da lontano,
    invade le onde salmastre,
    uno stormo di uccelli
    svolazza canterinando poesie
    suadenti
    e ci abbandoniamo
    stretti per mano
    al corteggiamento
    del canto degli uccellini,
    alla sabbia già calda e
    ospitale,
    forse è tornata la speranza
    di sperare
    nell'amore di Laura
    nelle onde del mare
    di goloritzé.

  • Il cielo è un lenzuolo.
    Di nuovo nei miei panni,
    ripongo la sua foto,
    sollevo la valigia e parto.
    Con la riserva di energia
    che mi rimane,inspiro
    lunghe boccate d'aria e
    affronto il nuovo sole.
    Sento le labbra livide,
    vivo come le ortensie del
    giardino che ho lasciato.
    Avanzo tra gli alberi,
    per l'ultima volta gioco
    ad aggirar la sua ombra,
    la distesa dei campi all'alba
    si spiega davanti a me vergine,
    vasta e maestosa e immersa
    nel silenzio.
    Guardo il paesaggio rapito,
    respiro l'odore del vento
    come un tentativo di catturare
    il cielo intero.
    E benché il vento cupo non si avvicina,
    la natura del posto sembra ricordarmi
    che non è ancora stagione di pietà.
    Soltanto i corvi porteranno via la pena
    da questi prati.
    Discendo la collina,
    lentamente,
    tastando la terra con i piedi come
    le mani di un contadino.
    La valigia è pesante.
    Giunto all'altezza de la suaredda,
    rivolgo un doveroso saluto al mare e,
    quando sono vicino alla casermetta
    con il tetto rosso scarlatto,
    nel sentiero di badualga,
    decido di non guardare alla mia destra:
    non voglio dire addio alla salina bamba
    e dall'appendice del paradiso
    in questa terra.
    Arrivo in paese.
    Accanto all'ufficio postale, scorgo il
    pullman stanco e polveroso
    in attesa nella strada a me familiare.
    Tutti i passeggeri sono già seduti,
    pazienti e assonnati,
    con i volti segnati dalla stanchezza.
    Seppur stremato, impongo al mio corpo
    ancora intirizzito di raddrizarsi,
    e salgo sul torpedone.
    Quando sono seduto al mio posto,
    accanto al finestrino,
    lo sguardo rivolto ai costoni di Tavolara,
    torno con il pensiero al tema del tempo
    percettibile e tremando, medito:
    Lei non c'è più, un giorno toccherà anche a me
    e io cosa ho strappato alla morte?
    Soltanto uno sguardo e un lungo bacio?
    La corriera parte e vedo il paese allontanarsi.
    Leggo in uno striscione:
    "Arrivederci a presto".
    Un "presto" eterno.
    Il paesaggio mi distrae.
    La gamma infinita dei verdi dell'inverno
    mi sorprende ancora una volta mentre
    la corriera arranca nella vecchia statale,
    lasciandosi alle spalle il mare.
    Le sughere sembrano bandiere con
    le macchioline rosse delle bacche di
    corbezzoli, intrecciate tra i rami.
    La mattina si rannuvola,
    è durato poco il primo sole.
    Il giorno che nasce sarà come
    la luna argentata.
    Le nuvole sono basse.
    Come sono lontano,penso,
    alle nuvole vicine.
    Passano attraverso una macchia di mirto,
    la cui corteccia di un'arancione abbagliante
    mi ricorderà sempre quest'Isola
    perennemente umida d'inverno
    e radiosa nella calura dell'estate.
    Chiudo gli occhi e mi addormento
    pensando al mio amore perduto,
    al mio eterno amor di principe
    ranocchio e alla cenerentola bionda...

  • Prendo una margherita dai campi
    e mando messaggi d'amore
    seguiti anche del non amarti,
    come dentro di me vivano
    due persone in eterno conflitto,
    due maschere che si conoscono,
    come una parola spezzata
    dalla parte del silenzio,
    come il fuoco del sole spezza
    il grande freddo.
    Ti amo per poterti amare,
    per ricominciare tutto daccapo,
    per non cessare mai di amarti:
    ti amo perchè non ti amo,
    non ti amo perché ti amo.
    T'amo e non t'amo,
    sussurra la margherita
    in quel vasto prato fiorito,
    come se fossi padrone della
    gioia universale
    e di un destino sfortunato.
    Sono diviso in due persone,
    due vite diverse per amarti,
    due diversi cuori battenti,
    il mio amore è diviso e si
    fonde con le due vite diverse
    per amarti con un'amore.
    Per questo non ti amo quando
    ti amo tanto e ardentemente,
    e ti amo perché ti amo
    come mai ho amato nessuno
    in questa stagione dei fiori
    dei sogni sfiorati dal vento...

  • Puoi ascoltare le mie parole
    se sono sottili, stavolta,
    come alla sabbia della salina,
    come piccole impronte di
    aironi e gabbiani sulla spiaggia?
    Cinta da collane di viole e ciclamini,
    per placare anche la tua ansia.
    Le mie parole sono come un sussurro
    trascinate già lontano dal flussio delle
    onde e diventano tue, come una
    folata calda che le ritrasporta alla
    tua mente e a quell'onda verde e blu
    come i tuoi occhi splendenti e ispiranti.
    Come una boungaville di mille colori,
    crescono attorno al mio dolore sopito.
    Le parole spezzano l'incantesimo,
    si librano alle pareti della vicina dimora.
    Ma di chi è la colpa di questo gioco cruento?
    Le parole sfuggono dalla mia tana.
    Sei tu la vita, il tutto, e tutto, lo riempi.
    Prima di sussurrarle e di conoscerti,
    occupavano la mia vita, e più di te,
    erano nella tana della mia tristezza.
    Ora voglio che dicano quello che voglio dirti,
    perchè tu le ascolti e mi risponda,
    che mi aiuti a scacciare la tristezza,
    con quegli occhi blu come il mare che
    ti carezza e ti sussurra le mie parole.
    Scaccia via quel maestrale angosciante
    che potrebbe travolgere il sussurrio.
    Tsunami di brutti sogni possono ancora
    travolgere i nostri discorsi segreti.
    Scaccia il vento maligno,
    evita di sentire parole nella mia voce
    ancora dolente.
    Mare nero come il veleno,
    vento irruente, spazzola via questi pianti
    di bocche amare, di suppliche angoscianti.
    Amami sempre, non mi lasciare. Seguimi.
    Seguimi, compagna dagli occhi azzurri come
    il tuo mare, anche su quest'onda di angoscia.
    Le mie parole dolci, sussurrate, sono tinte
    del colore del tuo amore, prenditi tutto di me.
    Io le intreccio in una ghirlanda di fiori,
    una corona di azalee e rose rosa e blu come
    le onde del mare colorato come la tua ghirlanda,
    per le tue mani bianche e le tue fresche labbra,
    amore caro, amore azzurro come le onde
    e le mie parole lontane.

  • Striscia di asfalto nera come la notte.
    Sole alto come un gigante nei monti
    puzza di nafta maleodoranti
    nel lungo serpentone di quei grovigli,
    asfodeli fioriti nei pendii delle colline,
    riverberi di una sera splendente
    come il tuo volto,
    ferule in fiore verdi salmastre,
    fiori variopinti sotto le querce con
    le foglie pastello,
    nuvole nere nell'orizzonte,
    come il tuo volto triste!
    Le violette in tripudio,
    i lecci in amore, le sughere
    come polene, ninfe attraenti,
    sorridono felici,
    e voltano il loro sguardo
    inebriante di aromi primaverili,
    alle carsiche guglie del Supramonte,
    stormi di rondini in arrivo
    come ad un rito ancestrale,
    lascio il groviglio del serpentone,
    mi lascio trasportare, nel tramonto
    dai richiami della natura,
    e penso al mare, all'eterno amore!

  • Quella era la casa bianca del faro,
    quella dei nostri giochi
    adolescenti,
    di quelle estati roventi piene di
    gente
    Quella era la nostra casetta bianca
    come la sabbia di fronte,
    castelli di sabbia
    che cadevano
    come i nostri sogni quando la gente
    ci salutava e tornava la pioggia
    e il vento del maestrale
    e il sole non compariva
    nella nostra casetta del faro di Alghero.
    La spiaggia sporca ,
    la città è piena
    di piazze vuote
    la strada dorme!
    Forte si udiva il mare scagliarsi
    con le sue onde,
    musiche di dischi rotti,
    come i nostri castelli e i giochi,
    come l'inverno
    aspettando l'estate
    che passa in fretta.
    Barche perse alla deriva
    come i nostri cuori spezzati,
    come i castelli di sabbia
    sepolti dall'alta marea,
    barche smarrite,
    in cerca del loro padrone,
    della libertà, alla deriva,
    nella cala della bianca casetta,
    lui le nasconde e le incatena!
    L'estate torna, ma lentamente,
    il tempo passa,
    a la casa bianca piange lacrime
    scure
    il mare ora è silente, la spiaggia bianca
    è colma di gente,
    la città è vuota,
    le piazze piene,
    la strada è piena e la casetta
    bianca del faro,
    aspetta Marisa
    aspetta l'amore,
    aspetta senza speranza,
    nella speranza dell'attesa,
    casetta bianca,
    mare azzurro e smeraldo,
    altri bimbi e altri castelli di sabbia,
    altri amori struggenti,
    ed ecco Marisa comparire
    dalla bianca casetta
    bella, solare, gioiosa, perla lucente
    come le stelle e le onde splendenti
    di riverberi e sprizzi di gioia,
    con l'abito bianco da sposa,
    e poi svanire nei ricordi
    come quei castelli bianchi
    sbriciolati e con il mio cuore a pezzi.
    Mare, mare, mare, portami via, portami via
    da questa esistenza amara,
    da questi calici di veleno,
    dalla nera casetta bianca del faro,
    barche lontane e vicine,
    nel tramonto del sole rosso di Alghero,
    aironi bianchi si librano in volo,
    dalla casetta di sente uno sparo.
    Ho finalmente raggiunto Marisa,
    dolce amica e compagna,
    di questa breve vita terrena.

  • 18 aprile 2008
    La dolce morte dell'amore

    L'odore dell'asfodelo
    e della mentuccia del
    greto del ruscello,
    inebria la mia mente
    seguendo
    il sentiero a ritroso
    tra frutti di bosco e
    compagni ginepri, di
    lecci e querceti come
    un'orchestra
    dell'opera che suona
    musiche magiche
    come quei luoghi fatati,
    con le armonie dei cuculi
    e dei pettirossi, fedeli
    compagni di viaggio
    nel bosco incantato.
    Il giorno scorre lento
    come uno slow,
    e la vita compare
    tra le fresche sorgenti,
    tra le penombre del
    sole nascosto, con
    il tuo viso solare,
    con il sorriso schietto
    e rassicurante.
    L'esplosione dei ricordi
    sussulta nella mia mente,
    flash back di amori cocenti,
    di bagni in quei freschi torrenti
    nella calura e con l'ardente
    passione e sentimenti infiniti.
    Mi stendo in quel prato
    su distese di ciclamini rosa
    e margherite bianche ocra,
    il sole mi scalda e mi ristora.
    Nelle braccia di Morfeo,
    fedele mentore nei miei sogni
    dell'amore dato a Francesca,
    mi appare con una corbeille
    di petali di rosa, con l'abito da
    sposa, la donna della mia vita,
    e un fremito mi sveglia come
    un bang dentro la testa, come
    un chiodo ficcato con la forza,
    e mi lascio andare dietro al
    sogno dell'amore perduto,
    nel naufragare della morte
    compagna di viaggio,
    per riunirmi a lei, perduto amore!

  • Scaccia i tuoi foschi pensieri
    dalla tua mente confusa,
    dalla fragilità del tuo cuore
    sofferente.
    Scaccia dalla tua mente quelle
    frasi opprimenti, la stura
    dei tuoi peggiori ricordi e
    quel volto a cui avevi donato
    i tuoi ardenti baci e carezze
    di fanciulla adolescente,
    a quel fantasma che ti spinge
    al precipizio
    e allontana la primavera
    e la stagione stupenda che
    attende
    la tua dolce figura.
    Non senti le onde lontane
    vibranti come la melodia
    di una chitarra ad arpeggio?
    Non vedi la bella scogliera
    dove la melodia si bacia con
    la poesia di amore cocente?
    Esci da quella tana, piccolo cuore
    di donna romantica e innamorata
    di un fantasma, di un demone crudele,
    scaccialo per sempre,
    la vita ti aspetta silente e ammaliante.
    La vita ti è amica
    e ti attende con quell'amore di Marco,
    che attende il tuo risveglio
    con la canzone struggente
    delle onde e della scogliera lucente.
    Vita, vita, vita, ancora vita
    mentre la notte ti avvolge,
    vita amara, vita nera come la bestia
    che l'odia,
    come la piovra con i tentacoli
    afferra la tua mente
    mentre risorge l'alba della speranza
    del tuo amore di Marco, delle onde
    della chitarra e la lucente scogliera.

  • Onde malvagie s'infrangono sulla scogliera,
    demoni malvagi,
    pensieri assurdi di una poesia irruente
    come lo sparo di una rivoltella
    nel buio della notte piena di bruma,
    laguna nera,
    nera signora, poesia.
    Vuoi strappare il mio cuore,
    trapanare questa mente fragile,
    uno schianto nel dirupo,
    schiacciato dal peso del rimorso,
    un cuore lacerato,
    un amore finito nel nulla,
    infranto nella scogliera,
    sommerso dal flussio delle nere onde.
    Nuvole nere nella fosca bruma
    nel cielo fosco,
    ferita in suppurazione,
    amore violato,
    disperazione infinita,
    dov'è ora la vita in questa terra amara?
    cosa resta dei nostri sogni e speranza
    perduta dalla vita smarrita o scappata?
    Esci dalla mia mente smarrita, signora nera,
    vita mia splendente,
    riporta il sole e la luna splendente,
    placa l'ira della burrasca della psiche,
    vita amara, vita amata, vita perduta.

  • 18 aprile 2008
    La compagna tristezza

    Viali deserti, alberi spogli, pensieri tristi
    scorrono tra semafori gialli,
    volti foschi nel livido cielo di questa
    città crudele, cinica creatura,
    auto veloci
    come il cuore impazzito.
    Che tristezza, quei poveri alberi e
    la mia vita trascorsa come fratelli
    gemelli!
    Palazzi incrostati nel corso degli
    anni, compagni fedeli,
    palazzi tristi e malinconici,
    palazzi vuoti come un'anima morta,
    alberi spogli,
    la tristezza compagna.

  • 18 aprile 2008
    Le foto che piangono

    Che cosa ne è delle nostre attese
    andata deluse per sempre sui
    campi di battaglia della vita,
    o di questi nostri timori,
    capaci di tenerci svegli per anni,
    salvo poi rilevarsi infondati?
    Che posto occupano nei nostri
    rapporti quei buchi chiaro scuri
    nel tessuto dei fatti, quelle tensioni
    verso il non-ancora che sbregano
    la trama degli  eventi?
    Le nostre foto rispondono
    alla domanda rivelandoci qualcosa
    di essenziale sulla natura stessa
    dell'immagine, sul suo abitare una
    terra di mezzo, sospesa tra realtà
    e illusione, tra passato e futuro,
    incerta tra la disperazione
    e la speranza.
    Le nostre foto piangono l'assenza
    di un improbabile approccio fisico,
    ma sono la prova che la loro
    esistenza perdura nell'attesa
    e nella speranza, e così anticipano
    il nostro incontro nel tuo ritiro
    nelle maree di Tavolara.
    Quelle foto ci ricordano gli stati
    utopici della coscienza,le nostre
    segrete aspirazioni, i nostri
    desideri più intimi, la perenne
    attesa del contatto con i tuoi occhi,
    con le tue labbra inaridite dall'ansia
    dei nostri sogni, dalla disperata
    evidenza di conoscerci per
    suggellare la fine di un'attesa
    durata trent'anni.
    Ci ricordano che l'essere umano
    è l'animale che spera.

  • Nel silenzio della notte deserta,
    venti di maestrale e cielo fosco,
    nuvole nere e cuore scuro
    martellìo di pioggie irruenti
    sulla finestra scandite dal
    clic clac della pigiata della
    bestia infernale, quella delle
    notti insonni pensando a
    quella signora poesia gelosa
    e mal disposta alla stura mentale,
    come una timida adolescente.
    E' il volto dell'amore celato da
    due rime gettate nel cesto
    o forse è la nostalgia della
    mia piccola Katy.
    Dormi piccina mia,
    ti aspetterò sempre
    dentro il mio cuore e con
    la signora poesia.

  • Ti vedo arrivare con il tuo fardello di tristezza,
    ne chiedo un po' anche per me,
    per alleviarti da questa angoscia
    che non ti fa pensare.
    Io ci penso.
    Ma tu non pensi.
    Io ti desidero,
    Ma tu non ti esprimi.
    Provo a cantarti quella canzone di maggio del ns passato,
    provo di tutto a farti pensare.
    PECCATO.
    Ma mentre il sole volge al suo giaciglio, vedo Silvie
    che mi si avvicina e mi chiede, quanti giorni non ho pensato,
    ed io la metto tranquilla, Silvie, ho pensato, io per te.
    Poi strimpello con la la mia chitarra e tu ti alzi e danzi felice
    nella calda sabbia e mi inviti a continuare,quella musica che 
    è come un nettare per i tuoi pensieri.
    Finiamo abbracciati, accoccolati, accucciati, a pensare a ieri.
    Un lungo bacio suggella il tramonto del sole e dei nostri sogni.
    Finalmente potremo pensare al nostro futuro, al nostro amor malandato.

  • Sei sfuggente come un'onda di mare in burrasca,
    sei bella come quelle onde che s'infrangono sulla scogliera,
    torni e scappi come la marea sfuggente, irruenta e fascinosa.
    Sogno sempre di te nei miei sogni infranti da quelle onde che
    si abbattono anche nell'utopia, per impedire anche quella.
    Poi tutto si calma e tutto si aggiusta, e tu torni ad essere te, quella
    dolce e ammaliante polena, forse sirena, chissà, una ninfa.
    Ti trovo ignuda sempre nel mio emisfero,
    ti trovo ignuda in ogni pensiero.
    Ma anche tu mi guardi con quegli occhi ramati di goccie di onde
    salmastre, e desideri la mia ignudità, quella che vorrei regalarti,
    teneramente, porgertela in un tripudio di festa e di felicità.
    Arriva il tramonto, e la magia s'allunga, ci induce a fare tutto in
    fretta, di regalarci un bel momento, un dolce ricordo, un regalo
    reciproco dei nostri corpi avvinghiati nel dolce tramonto
    preludio di un'aurora che suggellerà,
    per sempre,
    la nostra intimità.
    Sei l'amore profondo, sei la mia musa, sei un vero dio, sei tutto e di più,
    amica, sorella, madre, amante, mentore, sei il mio cinquanta per cento.
    Su tutto,
    per tutto,
    su tutti i nostri ideali e i nostri sogni,
    l'amore eterno.

  • Ho mangiato pane da 100 forni,
    mi sono saziato di kisci el kebab in cappadocia,
    ho lavorato duramente in quelle terre.
    pensando a te, isola mia.
    Ho assaggiato tutti i couscous,
    ho bevuto the alla menta e carcadè.
    Ho lavorato duro in quei deserti,
    solo col sogno di casa mia.
    Isola mia, ti ho sognato milleottandue volte,
    ti ho amata come una amante,
    ma ero in lavoro negli States,
    a mangiare quegli orribili "pudding"
    pensando alla mia "panada e panadeddas".
    Ho currachato nei barrios argentini,
    avevo più amici io, a Buenos Aires,
    quartiere Palermo, che un primo ministro.
    Ho mangiato pane di 100 forni,
    ma il civraxi e su carasau,
    sono rimasti nel mio dna.
    Ho ballato cielito lindo e galopera,
    Maria Dolores e la malaguena,
    ho imparato perfino a parlar portoghese
    quando mi spedì la
    corporation a cercare oro nel cucuracaca.
    La mia faccia era di meticcio, il profilo di ebreo errante,
    sembravo più che un sardo, un greco di Santorini.
    Ho imparato il tango, il bolero, su ballu sardu é rimasto nei ammentos.
    Ho passeggiato anche a madrid, roba
    per pochi, ho perfino mangiato alla tour rose,
    ho visitato il MOMA di New York City.
    Ho installato tutte le luci di Brooklin e di Manhattan,
    ho conosciuto Siro Maccioni, il re dei re degli chef toscani.
    Ma la mia isola era tutt'altra cosa.
    Dopo 10 anni, di lungo peregrinare, aver dedicato
    una preghiera al Gesù di Ro de Janeiro,
    ho fatto spola a Montreal per salutare alcuni
    amici, e voilà, sono sbarcato a Golfo degli Aranci.
    Ed ho viaggiato a finestrini chiusi, in attesa di
    assapporare tutti i gusti perduti con la mia lontananza.
    Addio Montevideo, addio Ciudad del Mexico,
    addio Asuncion, addio Alessandria d'Egitto.
    Dalla mia Sardegna, vi mando un abbraccio.

  • Sono lo stesso di quella foto.
    Quella della mia primavera,
    e tu eri la stessa che oggi
    vedo nell'autunno di questo
    vivere col tic toc tac del tempo
    che fugge ma l'amore è lo stesso
    forse ancora più intenso e terso
    di pathos e di sentimenti stretti,
    avvinghiati nel segreto dei ricordi.
    Quelle labbra sono fresche come
    quelle dei tuoi vent'anni e il tuo seno
    è accogliente come quando ci siamo
    immolati nel giuramento di amarci
    per sempre e per tutto il perigliare
    di queste stagioni, sarò sempre con
    te fino all'eterno, quando ci concederemo
    baci e carezze lassù nell'alto del cielo
    infinito, per sempre, grande amore di
    Cenerentola di sessantatre anni per un
    principe ranocchio cinquantotenne.