username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Giuseppe Gianpaolo Casarini

in archivio dal 02 lug 2012

25 aprile 1940, Milano - Italia

mi descrivo così:
Vecchio Chimico Industriale Corrosionista Pensionato Interessi per Storia-Arte-Letteratura-Viaggi-Teologia

05 luglio 2012 alle ore 10:52

A Gilad Shalit..dopo la cattura..dopo la liberazione

 

“Dicono che i soldati mai non piangono

ma qualora fors’anche ora tu piangessi

cosa cui non credo, vergogna non ti sfiori

riga spesso il pianto il volto dei bambini

quando del’orco cattivo sentono la fiaba,

per te non da fiaba ma vera è la presenza,

ascolta, credi, ritorna il bel sorriso  presto

quando dicon le mamme se n’è andato

così per te son certo ritornerà questo radioso

 presto tu Gilad ritoccherai d’Isarele il suolo”

Ora questo nel tempo se è avverato per te

non più bambin soldato ma uomo diventato

dopo  anni e tanti di vigliacca crudele prigionia.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento