username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Giuseppe Pontiggia

in archivio dal 04 mag 2011

25 settembre 1934, Como - Italia

27 giugno 2003, Milano - Italia

segni particolari:
Vincitore del "Premio Strega" nel 1989 con "La grande sera".

mi descrivo così:
Scrittore e critico letterario italiano. Alzi la mano chi non conosce la mia opera "Vite di uomini non illustri "...

04 maggio 2011 alle ore 10:47

Il giocatore invisibile

di Giuseppe Pontiggia

editore: Mondadori

pagine: 190

prezzo: 7,14 €

Acquista `Il giocatore invisibile`!Acquista!

Sullo sfondo di una Milano anni Settata, dove l’odierno centro quasi è periferia, Pontiggia colloca il suo romanzo all’interno di un ambiente di professori universitari venato da rivalità sotterranee. La pubblicazione su una rivista letteraria di una lettera denigratoria che accusa il Professore di non conoscere l’etimologia corretta della parola ipocrita scoppia come un caso di cui bisbigliare nei corridoi fra le aule, e sul quale interrogarsi: chi sarà l’autore dell’anonimo attacco?
L’episodio, in apparenza minimale, incrina la tronfia sicurezza del Professore (protagonista anonimo per tutto il romanzo), portandolo a riflettere non solo sul misterioso rivale, ma anche – in un crescendo di dubbi esistenziali – sul proprio matrimonio e sulla vita stessa. Mirabile la scena in cui il Professore passa all’epidiascopio la lettera per soffermarsi attentamente sulla singola parola, soppesandone le implicazioni e escludendo i presunti autori sulla base dell’utilizzo dei singoli termini.
Il giocatore invisibile è anche una metafora dell’uomo di fronte a se stesso, e la trama diventa pretesto per una lunga riflessione sull’amore e sulla vita. Sulla vita e non sulla morte, sebbene a quest’ultima sia dedicato un intenso e breve capitolo. La morte infatti vi è vista come elusione della vita, quindi risvolto della riflessione sulla vita stessa.
Pontiggia manovra le parole con l’esattezza millimetrica di un chirurgo, con il compiacimento di chi sa che il gioco che sta conducendo è di quelli che solo gli addetti ai lavori possono gustare fino in fondo. Attraverso il suo tocco esperto, la parola diventa capace di scardinare l’universo, di insinuare il dubbio, di sconvolgere la vita.

recensione di Alessandra Gorlero

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento