username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Gloria D'alessandro

in archivio dal 25 giu 2007

11 aprile 1972, Chieti

segni particolari:
"Lo scrivere è una semplice forma d'empirismo condiviso col confronto di esperienze intrecciate anche col dissenso"

mi descrivo così:
In perenne ascolto di "AnimaTonda"

03 giugno 2008

L'altra me

Oggi ho ritrovato
i fantasmi delle mie parole:
hanno un peso sensato
lontano da impercettibili dubbi.
Una coscienziosa
lacrima di stanchezza
riga una strada
senza certezza;
la vita sommersa
tra le vesti profumate
d’inconfondibile
girotondo affrescato
su creta resistente.
Da non so dove
arriva la calma
della tua voce
nell’eco del mio
istintivo cercarti.

 

Fuori l’albero
soleggiato d’ombra sulle cime
ricopre di cromatico diamante
la linfa nascosta e timida
del non volersi mostrare,
ma tra i suoi spazi tuonano
le assillanti particelle
del tuo eterno esserci
a cui non so sottrarmi:
persevera esistenza cantata
nel vivere d’ogni mattino
quando il sole sa
di volerci baciare
con lo stesso raggio
dove ogni tuo suono
si posa per venirmi
a cercare accarezzandomi
nel presente
e nel sempre.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento