username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Irene Pizzimenti

in archivio dal 28 nov 2005

??/??/19??, Palermo

mi descrivo così:
Silenziosa, testarda, amante dei piccoli ma costanti passi, osservatrice sorridente con forte empatia per il mondo tutto.

10 novembre 2009

E fu il Ricordo

Annoiato di Solitudine
il Fato invitò il Mondo

Vennero tutti

Ed alla porta
Lui sorridente
a regalare a Ognuno
inchini e maschere
E sempre a caso

Sognavano estasiati dal Mistero gli invitati

Sconosciuti gli Uni agli Altri
pensavano di vivere già Insieme
Risa
scherzi
ammiccamenti
burle
intese

Ubriacatura vestita finta di Realtà

Lontani gli Antagonisti di tutti i Giorni
gli implacabili Nemici
Maschere tessevano il Sogno nuovo

Ma

Gioia ballava con Dolore
Eleganza discuteva con Povertà
Amicizia giocava a scacchi con Invidia
Bellezza rideva con Cattiveria
Umiltà passeggiava con Arroganza
Ed il Buio a braccetto con la Luce

Nascosta in un angolo
solo Ragione si scoprì il volto
E vide

Ridendo pazzo il Fato
guardava tutti prigionieri di un'Illusione
All'ingresso ormai una sola maschera...

Folle della sua follia se la mise addosso
E fu il Ricordo.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento