username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Irene Pizzimenti

in archivio dal 28 nov 2005

??/??/19??, Palermo

mi descrivo così:
Silenziosa, testarda, amante dei piccoli ma costanti passi, osservatrice sorridente con forte empatia per il mondo tutto.

03 gennaio 2006

Sospese parole

Parole al ruscello…

Ritorni
raccontano di giorni ingialliti dal tempo
passi nel bosco ritrovano tracce nascoste
passaggi segreti della memoria

Cadente il cascinale
ti vede ti riconosce t’abbraccia
riflessi di sole riportano voci lontane

emozioni che il tempo d’infanzia ha  ricamato preziose

Sconnesse le travi di  legno  del  ballatoio
riprendono vita
riflettono al sole

Risuonano quei mille discorsi fatti nell’ombra
segreti piccini tesori nascosti promesse severe
fruscio amico di ciliegi selvatici

e risa fatte di sogni e di terra

T’invadono forte familiari nei loro profumi
antichi sapori lavoro di mani e sudore di fronti
ed è il pane di casa appena sfornato che senti

il burro col latte caldo  munto al mattino

E tu con il secchio a prendere acqua alla fontana
schizzandoti gocce  sui piedi d’estate
stringendoti addosso la giacca d’inverno

Segnava duro il lavoro
coi tempi scanditi solo dalle stagioni
E sempre la sera attorno al braciere

donne bambini e rosari col sonno

Ora è silenzio che porta presenti quei volti.
Coperta di ruggine la vecchia fontana
è pianto che gocciola lento


Sospese parole
diari segreti dell’anima-----------------------------------ritorni

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento