username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

John Harding

in archivio dal 31 dic 2014

1951, Ely - Inghilterra

segni particolari:
Con Garzanti ho pubblicato il bestseller La biblioteca dei libri proibiti.

mi descrivo così:
Sono uno scrittore inglese. Ho iniziato la mia carriera come giornalista, poi editor e infine sono approdato al mondo della letteratura.

31 dicembre 2014 alle ore 10:28

La biblioteca dei libri proibiti

di John Harding

editore: Garzanti

pagine: 255

prezzo: 14,96 €

Acquista `La biblioteca dei libri proibiti`!Acquista!

Copertina intrigante e titolo ammaliante. Una piacevole sorpresa per gli amanti della lettura e cultori della parola. Il romanzo è ambientato in New England nel 1891. Gli scenari sono cupi e gotici come i pensieri della protagonista, intelligente, sagace e scaltra. Florence è un adolescente tenuta lontano dagli insegnamenti classici come la scrittura e la scrittura, abbandonata in un antica dimora con il suo fratellino e la servitù. Una piccola comunità, quasi isolata, dove i due ragazzi crescono liberi senza genitori e poche restrizioni ed insegnamenti. Pochi divieti, tra cui quello di accedere alla biblioteca. Il motivo si potrebbe ritrovare nella paura della scoperta della vera di libertà:il pensiero. Considerando che l'unico modo per liberarsi da una tentazione è vedervi, come affermava O.Wilde, ogni notte la ragazza si rifugia nella vecchia e polverosa biblioteca per farsi ammaliare e far compagnia da Poe, Shakespeare, Jane Austen, Charles Dickens e tutti gli autori che abitano negli scaffali impolverati. Amici scoperti grazie alla curiosità e la costanza che l'hanno portata ad imparare a leggere da sola. Avventure uniche ed oniriche prendono vita alla luce della luna, risvegliando una mente inquieta a cui sarebbero vietate. Per impedirle di volare. Lo stile dell'autore è descrittivo e sagace al contempo, sopratutto nella narrazione dei pensieri di Flo, che da autodidatta, scopre quotidianamente con gioia e stupore elementi che uniscono la realtà e la scrittura. Un rapporto intrinseco e tangibile anche nelle piccole cose. Inoltre J. Harding riesce a dar voce con maestria a sensazioni ed emozioni, coinvolgendo totalmente il lettore e trasportandolo nel mondo della protagonista,grazie ad un particolare linguaggio denso di neologismi creati da Florance. Pian pian i misteri iniziano a divenire enigmi che si inchiodano alle pagine che scorrono veloci per dar risposta agli interrogativi. Un libro che racchiude in sé un po' di giallo intriso con noir, sopratutto quando strani episodi iniziano a sconvolgere la tranquilla vita di campagna della casa e dei suoi abitanti. Apparizioni, morti violenti, documenti inspiegabili. Dove inizia la verità e finisce la finzione? Come in un gioco di ruolo pirandelliano, i protagonisti mostrano nuove dicotomie. Nulla è certo, sopratutto dopo l'arrivo di una nuova istitutrice. Una lettura che ha tutti gli elementi per un ottima riuscita, ma che delude in quanto l'autore non ha dedicato il giusto tempo ed attenzione a cose che anche rileggendo, non quadrano. Molte situazioni rimangono incomplete e sospese nelle pagine. Un po' come accade nelle saghe, dove la risposta sarà nel prossimo volume. Un vero peccato in quanto la storia è originale ed avvincente,con un finale a sorpresa.

recensione di Fabiana Traversi

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento