username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Ken Follett

in archivio dal 04 apr 2013

05 giugno 1949, Cardiff - Inghilterra

segni particolari:
Nei miei primi romanzi ho usato gli pseudonimi Simon Myles, Bernard L. Ross, Zachary Stone e Martin Martinsen.

mi descrivo così:
Ho venduto più di 100 milioni di copie nel mondo.

04 aprile 2013 alle ore 9:00

I pilastri della terra

di Ken Follett

editore: Mondadori

pagine: 1030

prezzo: 11,25 €

Acquista `I pilastri della terra`!Acquista!

Una formidabile avventura è quella attraverso la quale Ken Follet ci conduce per mano, facendoci scoprire e leggere di avvenimenti, catastrofi e atti quasi miracolosi che si succederanno nel corso di circa mezzo secolo. Siamo nell’Inghilterra medievale, nel periodo che va dal 1130 al 1180. Un periodo dove regna in maniera sempre più evidente il contrasto tra il potere del monarca e quello della chiesa. Ma, al tempo stesso, il romanzo sottolinea ed evidenzia anche i numerosi contrasti, i tradimenti ed i sotterfugi insiti all’interno dei due opposti “schieramenti”. Epoca di cavalieri e di conti, di rivoluzioni nel campo dell'agricoltura, del commercio, dell'edilizia e della spiritualità umana. Nel racconto di Follet, sono narrate le vicende dei numerosi personaggi che dall’inizio alla fine, intersecheranno i loro cammini, dandoci cosi la possibilità di conoscere e leggere dei protagonisti più pacati, quelli più dinamici, i violenti, i traditori e gli immancabili doppiogiochisti. Tom, modesto ma abile costruttore alle prese con il periodod più buio della sua vita. Philip, uomo di chiesa forte, istruito, colto e con n passato mai dimenticato. Aliena, bellissima figlia di un conte, decisa e pronta a sopportare torti e tradimenti. William Hamleigh, cavaliere forte ma dall'animo crudele e nero. Al centro di tutto il priorato di Kingsbridge, oramai prossimo alla rovina ma ancora una volta pronto a rialzarsi, guidato da una mano forte e saggia. L’arrivo di un abile costruttore e della sua famiglia sono solo il preludio all’avvio di un progetto di ampio respiro. Non mancheranno le violenze di cavalieri ambiziosi e dei loro scudieri; monarchi poco abili al comando e capaci solo a scatenare un'infinita serie di guerre civili; vescovi pregni di sete di potere e dimentichi della loro missione spirituale. All’autore va riconosciuto l’immenso scenario che pone in essere, preciso nei dettagli, nelle ambientazioni e nei costumi. Facile è immedesimarsi nelle vie di un mercato medievale o ai margini di una furiosa battaglia tra nobili cavalieri ed eserciti affamati e violenti. Provare a sintetizzare ulteriormente la trama sarebbe del tutto inutile e ad ogni modo inefficace. Molteplici sono gli avvenimenti, gli stravolgimenti ed i cambiamenti di rotta a cui il nostro autore, sottoporrà la sua storia narrata. Il risultato è in definitiva un viaggio lunghissimo ma mai tedioso; una storia che va dal padre al suo nipote. L’esperienza di un epoca umana dove sibillina ma costante ci accompagnerà l’ambizione più alta di un semplice costruttore inglese.

recensione di Raffaele di Ianni

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento