username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Lillo Sergi

in archivio dal 01 mar 2017

Melito di Porto Salvo (RC) - Italia

mi descrivo così:
Mi è piaciuto sempre scrivere e soprattutto versi rimati (anche in vernacolo) e questo l'ho messo in pratica quando, in convalescenza a causa di un grave incidente, per far passare quel tempo lunghissimo senza alcun movimento fisico, comprai un pc per tenere "in movimento" almeno la mente.

22 ottobre alle ore 11:59

Il "Vascello", il "Conte" Dattola e... Lucio Dalla

Il racconto

Il locale “Il Vascello” della famiglia Dattola che all’inizio degli anni ’70 fece tendenza a Melito e provincia di Reggio era un locale unito praticamente al cinema di proprietà anch’esso della famiglia ed era adibito a tutte le funzioni che sono di un locale soprattutto estivo ed essendo praticamente situato all’inizio del corso e quindi al centro del paese o quasi, faceva sì che fosse facilmente raggiungibile.
Faccio presente che allora furono mattatori del locale personaggi di primo piano o che lo diventarono da lì a poco.
Ricordo soprattutto Mike Bongiorno e la sua valletta Sabina Ciuffini, Lucio Dalla, il jazzista Romano Mussolini, la procace e sex Tamara Baroni, Gli Alunni del Sole e Il Giardino dei Semplici e tanti altri.
Tutti portarono a quei tempi molta gente a Melito ed il locale fece anche da apripista per altri locali di quel genere a Melito e nel basso Jonio.
Poi, purtroppo, alla morte del “Conte Dattola” il locale e lo stesso cinema, per motivi, penso io di gestibilità e per l’avvento delle televisioni private, che ancor’oggi tolgono pubblico al cinema, dovettero chiudere ed in seguito scomparire del tutto per la vendita del suolo.
Vorrei ricordare con un aneddoto il “Conte Dattola”, che riguarda soprattutto la sua spontaneità e franchezza.
Lucio Dalla, che doveva esibirsi la sera alle 21, aveva fatto il bagno nella nostra spiaggia e verso le 13 era passato dal locale per bere qualcosa prima che, disse a noi ragazzi presenti, che eravamo tutti lì incuriositi dalla star, mangiasse e facesse una pennichella. Malauguratamente per lui, non conoscendo naturalmente il “Conte” per il suo rigido rispetto del galateo soprattutto, appoggiò entrambi i piedi, anche un pò insabbiati per la verità, sul tavolo, davanti a tutti i presenti richiedendo un bibita fresca gridando al cameriere.
Apriti cielo !!! Il ”Conte”, sentitolo, arrivò di corsa e vedendo addirittura il cantante con i piedi sul tavolo, sbraitò imponente (data la stazza, 1,90):
-"Scimmione (ricordo che il cantante era conosciuto per essere molto peloso) che non sei altro, prima di tutto togli i piedi dal tavolo e poi, non gridare che non sei a casa tua!”.
Lucio Dalla, stupefatto, fece notare che lui era il cantante che si doveva esibire quella sera.
Ed il “Conte”:
-”Puoi essere chiunque ma qua dentro devi stare con due piedi in una scarpa!”.
A quel punto, vista la magra figura, il cantante se ne andò proprio contrariato. Naturalmente non l’aveva conosciuto perché era il figlio Santo che provvedeva a tutto, però penso che, conoscendo noi il "Conte", avrebbe trattato il Dalla nello stesso modo. Questo era il “Conte”, che ancora ricordo con molta simpatia e…non solo io.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento