username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Lisa Pietrobon

in archivio dal 08 feb 2008

04 novembre 1984, Castelfranco Veneto (TV)

08 febbraio 2008

Ball and chain (Janis. Ad alta voce)

Intro: Un nome importante, che può pesare come un macigno. Janis. Un nome che non si ferma all'aspetto anagrafico, perché Janis è una storia. E forse un destino, Janis.

Il racconto

Janis. Ad alta voce. Era sempre stato così.
Come se le avessero appicicato un’etichetta, a chiamarla in quel modo e quando si era sentita smarrita e persa, per ritrovarsi non doveva fare altro che pronunciare, ad alta voce, il nome con cui l’avevano battezzata, i suoi genitori ed una sfilza di fratelli, in una piccola chiesa, con abiti e pizzi confezionati in casa, come si usava allora.
Janis. Ad alta voce.
Ecco la strada di casa. Janis. Ad alta voce.
Non si trattava solo del fatto del nome o del fatto che venisse pronunciato ad alta voce, questo era solo il giochetto che le piaceva fare per darsi importanza. Janis. Era la voce la parte bella del rito. Era la voce la strada di casa. Perché tutto quello che era, è racchiuso lì. La voce, ecco cos’era. E poi il nome.
Janis. Ad alta voce.
Ma forse non era nemmeno solo il fatto della voce. Era il modo in cui usciva dallo stomaco, avvolgente e roca, stranziante, e sensuale, e stridula a volte, ma piena e carica. Tenera e delicata, come le carezze di due amanti. Era la passione. Quella passione che premeva sulle viscere e la faceva urlare e dimenare e piangere e amare e cantare.
Janis. Janis. Ad alta voce.
C’era stati periodi durante i quali portare le chiappe davanti allo specchio e guardare il proprio corpo nudo era peggio della più feroce delle torture. Sarebbe stato meglio potersi strappare la pelle di dosso e rimirare il sangue sgorgare sul pavimento. Periodi in cui l’unico pensiero era scappare scappare scappare.
Janis. Con il blues che non ti dava respiro. Con un blues da far rizzare i peli quando è stata la tua voce a raccontarlo. A cantarlo.
Janis. Ad alta voce.
Distesa su quella sudicia poltrona, non credo che i suoi pensieri raggiungessero quello stato in cui riescono a prendere forma. Credo, piuttosto, che per l’inquietudine che non le lasciava respiro e la attanagliava piacevolmente a sé in una spirale di abissi ed euforie, di forme e colori indefiniti ma allo stesso tempo smaglianti, trascinasse la sua mente verso luoghi spaventevoli e amati, scivolando, e scivolando scivolando scivolando scivolando.
Passione, amore, morte. Malgrado l’odio. Malgrado l’amore. Malgrado il dolore e le profondità infinite della rabbia. Malgrado tutto. Like a ball and chain.
Janis. Janis. Ad alta voce.
Distesa su quella sudicia poltrona, però le forze ti abbandonavano, vero Janis?
Stavi male, lo so. Stavi solo aiutandoti un po’. Come si può. Lo so.
Così la voce non c’era. Non c’era più nulla. Nemmeno Janis.
Nemmeno Janis. Ad alta voce.
Non c’era più nulla.
Stavi male, lo so. Stavi solo aiutandoti un po’. Come si può. Lo so.
Come si può.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento