username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Luca Gamberini

in archivio dal 29 apr 2008

30 maggio 1967, Bologna - Italia

segni particolari:
Ho una clessidra a inchiostro ne l'epitalamo

mi descrivo così:
Apprendista filologo

14 agosto 2011 alle ore 3:26

Il giorno più triste

Mi divora il dolore,
trapanandomi gli occhi,
dai quali sgorgano lacrime di sangue, soffiate da singhiozzi impazziti.
Tu vivi come vive un sasso che si nutre del mare.
L'acqua mischiata al sale lo lacera piano piano.
Tu vivi come vive la terra, calpestata e generosa.
Ti vesti di sogni che si tramutano in segni,
fai movimenti appena accennati dei quali neanche ti accorgi,
e per qualcuno son tutto.
Tu sei il fuoco che tutto brucia,
ti scrolli la cenere come un vento di fine estate che tutte le foglie si porta.
Il mio tormento è come l'acqua di uno stagno,
torbido e indigeribile. Mi circonda e si prende gioco di me,
che lo nutro, come fosse tutto quello che ho.
Danzandomi attorno forma cerchi nell'acqua,
i quali evaporano al tuo sguardo.
Tu sei l'incrocio tra la vita e la morte,
finita la notte.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento