username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Luciano Rosario Capaldo

in archivio dal 29 set 2018

30 agosto 1955, Potenza - Italia

22 gennaio alle ore 9:58

Il ciottolo e la nuvola

Un giorno accadde che due lacrime scivolando
da due visi ormai  divisi... caddero in terra.
Una si posò sul lato caldo di un sasso,
un forte raggio di sole la riscaldò ed essa,
magicamente, evaporando salì in cielo.
 
Una nuvola diventò ed il suo bianco
e lucente corpo navigava nel ciel sereno
trasformandosi talvolta in delfino e tal altra
in un grazioso barboncino.
 
L’altra lacrima, più sfortunata, cadde
sul lato oscuro di quel sasso, quello all’ombra.
Il freddo della notte la gelò e sempre per magia
in un ciottolo si trasformò incominciando
a rotolarsi fino a tuffarsi in 
un ruscello che conduceva al mare.
 
La nuvola ed il ciottolo proseguivano
il loro viaggio. Cieli sempre più vasti
ed oceani immensi… le loro case.
 
Un giorno però l’orizzonte fece loro
un brutto scherzo ed unì il cielo all’oceano
e si confusero  così il ciottolo e la nuvola
sembravano tutt’uno!
 
Ogni cosa ed ognuno di noi esiste in quanto
esiste un’altra cosa ed un altro uomo.
La ragione ha bisogno del torto
come il giorno della notte…
nella  fiabesca dicotomia della vita!
 
Luciano Capaldo 
 
***Le fiabe esistono, le fiabe...siamo noi***

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento