username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Lucio Paolo Raineri

in archivio dal 07 giu 2007

08 dicembre 1938, Genova

mi descrivo così:
Amo il bello dovunque e comunque

23 marzo 2012 alle ore 17:04

Aeroporto di Orly ore 10,30

Intro: Una strana atmosfera.

Il racconto

Ho visto la donna armata di un grosso fucile mitragliatore che veniva verso di me. Era bruna, longilinea. Una coda di capelli neri che le uscivano dal cappello militare. La tuta mimetica ricordava un film di guerra. Mi ha detto qualcosa in un francese stretto che non ho capito, mentre io attendevo che si aprisse il chek del Parigi-Napoli, seduto. Alzando ripetutamente la punta del mitragliatore verso l'alto mi ha fatto capire che dovevo mettermi in piedi e retrocedere. Continuava ad avercela con me. Sibilava una lingua che conosco. Altri suoi colleghi, nella stessa tenuta da guerra, erano sbucati dalle porte laterali e bloccavano le entrate e le ascensori. La gente si affollava man mano e si chiedeva cosa stesse accadendo. "Sta arrivando Sarkosy?" -qualcuno ironizzava. Nel frattempo mi sono accorto che le hostess erano sparite dietro gli sportelli. I negozi, evacuati, erano piantonati da altri militari armati. Metà aeroporto, difronte a me, era inspiegabilmente deserto e attraversato da militari che urlavano ordini. La poliziotta, in tuta mimetica, non era soddisfatta del mio modo di indietreggiare e mi faceva segno con la canna di andare indietro. Mi tenevo in quella posizione che mi dava respiro, avendo sempre temuto la folla, per un incidente occorsomi da piccolo. Infatti ,dietro di me ,iniziava quella massa globosa, inerte, rumoreggiante che ha nome folla. Dalle porte laterali sono sopraggiunti altri militari armati che, ora non più garbatamente, ci hanno fatto indietreggiare. Ho pensato in quel momento ai governi militari nel mondo. Laddove si permette il dialogo tra militare e civile: un dialogo che non può esistere, proprio perchè i codici sono diversi. La presenza di un arma è una parola senza vocabolario. - "Un bagage abbandonè"- è serpeggiato. E subito dopo, tutto si è risolto con un frettoloso recupero delle proprie posizioni e con la scomparsa dei militari.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento