username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Manuela Capotombolo

in archivio dal 24 lug 2018

22 aprile 1983, Roma - Italia

segni particolari:

La verità è che dovrei vestirmi solo di una pagina bianca. Con quella addosso, io, davvero, scriverei il mio romanzo.

mi descrivo così:
Mio figlio mi ha insegnato che tra le cose che non si possono fare ci sono quelle che si devono fare. I classici sono la mia passione e nella poesia trovo sempre la verità.

30 gennaio alle ore 10:34

La Donna Piangente

Intro: Pubblicato nella raccolta antologica 'Quattro passi con' - Montegrappaedizioni, riceve un premio.

Il racconto

Erano le 15.30. Clarissa, confinata nella camera matrimoniale, aveva appena smesso di piangere. Era accaduto, ma non riusciva ancora a crederci. Ci pensava e ripensava mentre poggiava la schiena alla spalliera del letto e si accarezzava la pancia. Gli occhi le caddero, prima, sul suo libro di fotografie preferito dal titolo Dora Maar. Nonostante Picasso, che si trovava sul comodino, poi, sull’unica stampa affissa alla parete, (insieme ad un crocifisso), raffigurante la Donna Piangente. Quel ritratto di Dora Maar, realizzato da Picasso, sembrava davvero vivo: la rabbia rullava dalla bocca spalancata dove spiccavano, bianchi, i denti aguzzi, e gorgogliava il pianto accorato con lacrime che scendevano a fiotti.
“Ah, Dora, anche io sono in balia di uno stronzo!”, proruppe Clarissa con il viso infiammato.
 

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento