username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Marcello Caloro

in archivio dal 24 gen 2009

13 ottobre 1960, Taranto

09 dicembre 2009

Al bosco amico

Nel querceto il vento si leva
e concerto di frasche diffonde
la ghiandaia lasciate le cime
è posata sul ramo più spoglio.

 

Famiglie di funghi odorosi
a cibare voraci lumache
la civetta si snida dal tronco
ruotando la testa assopita.

 

E sfronda dal fitto il capriolo
lambito da un raggio di luce
il ragno tra sparuti cespugli
distende il disegno di seta.

 

Il muschio si china ai miei piedi
carezzando le piante piagate
lo sguardo inizia a vagare
la mente si riempie d’incanto.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento