username o email
password

Ti piace Aphorism?
Segnalaci su Google

Inserisci la tua e-mail per ricevere gli aggiornamenti

Autore

Marcello Caloro

in archivio dal 24 gen 2009

13 ottobre 1960, Taranto

23 febbraio 2009

Io, Ulisse (Ritorno a Pantelleria)

Prestami i tuoi favori
ch’io ti narro ora
di terra a me sì cara
che quando ricordo sfiora
nel cor sento tumulto.

 

Basalti neri a picco
sull’onde sempre vive
rade le cale placide
a custodire i gusci

 

brulla la scarsa zolla
celata tra le rocce
i pochi rami chini
ad ossequiare i venti.

 

Eppur da Monte Grande
quando lo sguardo apri
opprime la bellezza
della natura astiosa

 

odori ogni stagione
di zagare e zibibbo
al vapore delle polle
scaldate dal vulcano

 

cinto da bassi mirti
di Venere lo Specchio
è il lago solforoso
in cui s’annega il cielo.

 

D’Ogigia t’ho narrato
che quando notte oscura
tra i vichi dei dammusi
dai bianchi tetti a ogiva
Calypso scorgo ancora.

Commenti
Accedi o registrati per lasciare un commento